lunedì 9 dicembre 2013

UNMEM, VIDEOGIOCARE COL BRIVIDO DELL'IMPERMANENZA

Non è ancora possibile giocare, UNMEM uscirà nell'estate 2014, ma per noi che abbiamo sperimentato i suoi contenuti esistenziali e metafisici durante la Swissegame Selection è uno dei giochi per iPad e iPhone che stupiranno.
Vi sembrano parolone? Ma è così: nella semplicità estrema del gioco si annidano sensazioni psicologiche profonde, sperimentabili e diverse secondo ciascun giocatore.
Semplice, minimalista, essenziale, si basa esclusivamente sui segni. E' molto 'primitivo' nella sensazione e apparentemente anche nel gameplay. Col dito puoi fare ciò che vuoi, creare ogni simbolo o traccia che ti viene in mente, lui ti seguirà. Ma subito dopo scomparirà tutto quello che hai fatto e ti ritroverai nuovamente davanti a uno schermo nero. Punti. Linee. Cerchi. Kandinsky? Klee? Licini? Melotti? O i 'tagli' di Lucio Fontana?


All'inizio non sai come procedere. Come passerai di livello? Poi tenti tutte ma proprio tutte le cifre e a un certo punto ecco che il tuo gesto è diventato una chiave, il gioco completa una forma da solo, un lampo illumina lo schermo, sfreccia un colore, tu passi al livello successivo. Sempre più impermanente, sempre più difficile. 
La metafora è dietro l'angolo ma il gioco stuzzica, sia a livello di pensiero che di divertimento perché tu stai giocando con l'entità gioco che cerca di azzerarti ogni volta. Ma è come nella vita. Non è così. Anche se ti hanno cancellato delle espressioni tu hai imparato da ciò che hai fatto e procedi comunque.
Il videogioco UNMEM si è aggiudicato 2 premi: quello per il gioco e quello per la musica.

La motivazione artistica: "Oggi dipendiamo dalle parole, scriviamo prima di parlare, lasciamo la nostra traccia nei social e nel web coi segni e le lettere. Un gioco che mette al centro l'Arte Concettuale, senza prevalenza di lingue e idiomi, fa del segno l'arte principale. Screenshot che ricordano anche le opere di Nam Jun Paik e certa Optical Art svizzera e tedesca, il Minimalismo e lo Spazialismo, ne fanno una raffinata testimonianza".
La motivazione musicale: "La ricerca dei suoni attuali e originali dona al gioco una personalità molto forte e definitia che mette in evidenza la singolarità grafica dello stesso videogame. La musica rivela una vera volontà di ricerca e innovazione e completa questo progetto con la coerenza che lo pervade interamente. Al di là del divertimento, l'universo sonoro di UNMEM vi porta in angoli reconditi e astratti del vostro spirito".

Lo attendiamo con stupore.
[DNA.F.]

Scheda:


Descrizione
In Unmem, tutto è convertibile, mutevole, mutevole e impermanente. Stai per scoprire un entità intelligente che reinterpreta e anima i vostri gesti, guidandovi nei suoi regni.

Partecipanti

Karian Foehr
Elliot Vaucher
Lucien Langton
Benoit Goncerut

Lingua

Inglese

Informazioni tecniche

iOS (iPad e iPhone)

Nessun commento:

Posta un commento