giovedì 13 novembre 2014

MOSTRA PER GIOCO A SPAZIO TADINI, continua fino al 21 novembre


Una partnership con 13sedicesimi (in foto l'esposizione di taccuini realizzati a mano con le copertine degli artisti) iniziata con la Milan Games Week prosegue fino al 21 novembre nelle sale di Spazio Tadini a Milano in occasione del progetto 'Mostra per Gioco' creato da Spazio Tadini con Neoludica Game Art Gallery e Caterina Seri.

Innanzi tutto il nome: “13 sedicesimi” deriva dalla composizione dei taccuini, che sono composti da 13 blocchetti di 16 fogli ciascuno. Il totale quota 208 pagine, rigorosamente alternate una a righe e una bianca, per consentire di prendere appunti, ma anche per tracciare schizzi, tentare uno schema, immaginare un'impaginazione. L'innovazione più importante è tuttavia l'introduzione di un indice che, posto nelle prime pagine, si rivela uno strumento indispensabile per ritrovare in pochi secondi le proprie note.  Il dorso, che nelle normali pubblicazioni a brossura impedisce una completa apertura delle pagine, è stato eliminato. I sedicesimi sono rilegati a filo. La copertina rigida è un must perché scrivere sia comodo anche quando non c’è un tavolo su cui appoggiarsi.

Handmade in Torino
Come tante novità, anche 13sedicesimi nasce a Torino, dove sono nati il cinema, la moda, il Salone del libro e dove ha avuto origine l'arte tipografica, con preziosi volumi stampati già nel xv secolo. La rilegatura è fatta a mano, da esperti artigiani.

Il design
13sedicesimi è design inteso in senso anglosassone, ovvero un progetto che privilegia praticità ed ergonomia. Ma è anche design inteso “all'italiana”, quindi estetica e stile capaci di accendere emozioni. Da questo punto di vista, 13sedicesimi si presenta sobrio, equilibrato, minimalista, è un prodotto di carta e cartoncino (o legno), L'elastico di chiusura è obliquo in omaggio al marchio: l'inclinazione è la medesima della matita che sostituisce il la barra tra 13 e 16. Un segno originale, unico ed esclusivo.
La designer è Silvia Caligaris, torinese, come torinese è anche Claudio Servetti, che di 13sedicesimi è ispiratore e produttore.

La personalizzazione
Una grande parte del successo di 13sedicesimi deriva dalla possibilità di personalizzare la copertina. La personalizzazione più comune consiste nell'incidere il nome del proprietario o il logo dell'azienda, il che ne fa il regalo perfetto, tanto più che è possibile ordinare anche un singolo pezzo personalizzato ad un prezzo più che ragionevole. Ma si può fare ben altro. La personalizzazione è libera. Ci sono 336 centimetri quadrati a disposizione in ogni copertina, una superficie sulla quale incidere parole, grafiche, disegni o riprodurre opere d'arte in tiratura limitata o in un unico pezzo.

La linea
13sedicesimi è taccuini (16x21.7 cm) e taccuini pocket (11x15 cm) L'agenda unisce alle pagine di planning settimanale, pagine numerate con indice per appunti, alternate, bianche e a righe. Ultimi nati, i quaderni in formato pocket, con 80 pagine tutte bianche e le agende slim, con le settimane numerate e spazio per appunti in ogni apertura.

13sedicesimi e la comunicazione
13sedicesimi comunica volentieri con tutti e con tutto. In particolare, trattandosi di un prodotto di design, dialoga molto bene con l'arte in tutti i suoi aspetti. Nasce così l'idea di partecipare alla Milano Games Week dove la creatività dei taccuini pocket si sposa perfettamente con lo spirito della Manifestazione mentre l’artigianalità del prodotto, rilegato a mano, tattile e concreto crea un piacevole contrasto con il carattere digitale della manifestazione. Il risultato sarà esposto allo Spazio Tadini dove saranno in mostra le copertine di taccuini interpretate da artisti e digital artist.



Gli Artisti di 'Mostra per Gioco':
Luca Baggio, Alessandra Bisi, Ludovico Calchi Novati, Paolo della Corte, Andrea Locci, Emanuele la Loggia, Daniela Masera, Metaborg, Luca Moretto, Serena Piccolo, Johnny Pixel, Eleonora Prado, Fabio Savoldi, Patrizio Vellucci, Dario Zaffaroni, Mattia Zarini, Laura Zeni.

Il gioco è anello di congiunzione tra arte e pensiero scientifico. Ci immerge in un mondo spazio-temporale diverso da quello che siamo abituati a pensare.
E' il progetto di un mondo altro, dove la catena causa-effetto razionale si rompe in favore di legami surreali.

Si può sostenere che alcuni videogames siano la naturale evoluzione digitale del Grande Vetro, macchina celibe, di Duchamp?

Con certezza si può affermare che se William Gibson ha inaugurato (nel 1984, con Neuromante) il cyberspazio, oggi il desiderio di accedervi – anche creativamente – influenzi il sentimento estetico di miliardi di persone.

Durante gli anni cinquanta fu Munari ad affrontare il problema teorico di produrre oggetti a sola funzione estetica: le macchine inutili. Opere d’arte riproducibili in modo seriale adottando le tecniche della produzione industriale.

Oggi  proliferano gli artisti che creano e moltiplicano opere di ispirazione videoludica. Spazio Tadini, Game Art Gallery e la curatrice Caterina Seri ne hanno selezionati 15.

Per una volta, due visitatori di una mostra d'arte - triplicando il divertimento – potranno farsi in quattro per giocare con tutti e cinque i sensi. Il sesto senso ci dice che andranno al settimo cielo nelle otto ore di apertura dello spazio ludico.

opera e taccuino di Emanuele La Loggia

Opera e taccuino di Laura Zeni

Opera e taccuino di Luca Baggio

Opera e taccuino di Paolo Della Corte

Centro Culturale e Casa Museo Spazio Tadini, via Jommelli 24 Milano – t. 02 2682 9749
MM Loreto, MM Piola, Bus 62, 81

Orari galleria: dal martedì al sabato 15:00 – 19:30. Orari di apertura prolungati alle ore 24:00 in coincidenza con eventi e concerti. 

www.milanoartexpo.com- Milano Arte Expo magazine





 











Nessun commento:

Posta un commento