venerdì 14 ottobre 2016

Tre giorni di Game Culture a Milan Games Week Art con Neoludica

MILAN GAMES WEEK
MGWart by Neoludica Game Art Gallery
con John Romero

John Romero allo stand di Neoludica con le opere di Game Art
di Filippo Scaboro e degli altri 40 artisti

romero fotografa le opere per la mostra tributo a Doom

con Alessandro Natella RHM -foto Cinzia Coata-
Filippo Scaboro dona a Romero il ritratto in pixel art

Con Biancamaria Mori e Carlo Gioventù, Mentezero

insieme anche a Francesco Tonilo e Luca Roncella

mentre Filippo Scaboro gli consegna il quadro/ritratto di game art da lui realizzato

La tecnologia appare smaniosa di renderci tutti artisti e autori. Ci fornisce smartphone e tablet che migliorano la nostra esperienza fotografica e video, ci offre app per editare video e comporre musica, disegnare, dipingere e scolpire. Per intrattenimento, ma anche per documentazione. Non solo per giocare, anzi. Ma chi lavora per produrre questi strumenti e servizi? Come lavora?
Comprendere l’industria artistica di questo inizio secolo ci permette di essere fruitori consapevoli non solo di videogame, vera è propria ultima arte predominante come il cinema lo è stato il secolo scorso, ma ci trasforma in utilizzatori preparati a inserire dinamiche tecnologiche in ambiti importanti e a noi cari come la tutela e la promozione del patrimonio artistico e culturale, della didattica museale, della formazione, del turismo. Questo si è prefissata di fare Game Art Gallery ® un nome che è un progetto nato nel 2008 per unire le strade di beni culturali e arti videoludiche e che ha portato alla 54.Biennale di Venezia proprio le game art nel 2011 e alla prima Games week dove è stata da subito presente.

la parete PROGRASSIONE DEI MEDIA - VIDEOGAME XI MUSA

“Siamo oggi nel pieno dello sviluppo e dello svolgimento di queste arti innovative, arti che non cambiano la prospettiva dell’arte, cambiano l’arte in sé. Arti che si rimettono in gioco nel significato sociale dell’Arte, come prassi e non solo come metafora. Arti che nascono da un fervido tessuto giovanile, estetico e produttivo, con potenzialità enormi a livello comunicativo ed economico e per le quali vale la pena insistere sul loro valore per affermarle in quello generale delle discipline umanistiche e dei beni culturali” - spiegano i fondatori Debora Ferrari e Luca Traini.
Con Brenda Romero alla mostra tributo, Neoludica stand E09


Allo stand per i 3 giorni è possibile trovare: mostra dedicata a John Romero con opere di Filippo Scaboro, Luca Roncella, Samuele Arcangioli, Claudia Gironi, Federico Vavalà; le opere di tutti gli artisti di Game Art Gallery in formato 30x30 e collezionabili; opere di noti concept artist e art director che lavorano nell’industria videoludica come Marco Natale, Joseph Viglioglia, Marcello Baldari, Andrea Malgeri, Massimo Porcella, Diletta De Santis, Ilaria Lazzarotto, Filippo Ubertino, Cristian Scampini, Mauro Perini, Ivan Porrini; corner Gaming Zone delle biblioteche di Milano con Gamesearch.it. Sempre allo stand per 3 giorni ci saranno presentazioni nell’area WORKshow, con speedpainting 3D e mecha dal vivo con guru della Scuola Internazionale di Comics di Padova come Stefano Tamiazzo, Alberto Dal Lago, Giovanni Maisto, Igor Imhoff, Carlo Più, Giuseppe De Iure, Cristian Scampini, Federico Ferrarese, Marco Natale, Joseph Viglioglia e altri VIP di settore come MenteZero e Retro Haevy Machine. Sono disponibili al desk anche i nuovi artbook e altre pubblicazioni, accompagnati da prodotti Tucano di design e tape art. 

Programma delle giornate, stand MGWart:

venerdi 14: h 14,30 Igor Imhoff : Z-Brush Texturing.
                   H 17.30 MenteZero: VIDEOGIOCARTE - Interattività per l'arte e la cultura
lo speech si incentrerà sul ruolo del gioco e delle nuove tecnologie come nuovo mezzo estetico e comunicativo per l'arte e la cultura. Parleremo della trasformazione estetica del videogioco negli anni ed introdurremo dei progetti al momento attivi: Contemporary Escape, un videogioco che attraverso interazioni e storytelling ha lo scopo di educare lo sguardo all'arte contemporanea, sempre molto enigmatica per i non addetti ai lavori; gli ologrammi per i musei e nuove tecninche multimediali e interattive per i luoghi dell'arte;

Sabato 15: h 11 MenteZero “VIDEOGIOCARTE - Interattività per l'arte e la cultura”; h 14.30 Alberto Dal Lago, Christian Scampini , Federico Ferrarese  > Jam Live di pittura digitale.

Domenica 16: h 14.30 Giovanni Maisto: Concept Art




Nessun commento:

Posta un commento