domenica 8 maggio 2011






Neoludica­_ Venezia +
 [Venezia plus]

 un itinerario in realtà aumentata

L’itinerario proposto attraverso il precorso di realtà aumentata Neoludica­_ Venezia +,  grazie alla partnership con GCode di Bergamo, permetterà di estendere alla città la comunicazione della mostra Neoludica. Art is a game, Evento Collaterale Ufficiale alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.

Neoludica­_ Venezia + sarà articolato in 15 punti dal Centro Candiani di Mestre al Lido di Venezia: Centro Culturale Candiani di Mestre (sede della mostra), Ferrovia Santa Lucia, Ghetto, Ca’ Pesaro, Frari, Rialto, Sala dei Laneri (sede della mostra), IUAV Chiostro dei Tolentini (sede di eventi correlati alla mostra), Accademia, Palazzo Grassi, Fenice, Punta della Dogana, San Marco, Arsenale, Lido.

L’itinerario sarà segnalato attraverso dei segnali poco impattanti nelle sedi delle mostre dove sarà indicato il titolo della mostra e il Qr per accedere alle informazioni (sito dedicato per scaricare gratuitamente l'app. che sarà attivo dal 1 giugno).
Il filo conduttore di questo percorso sarà tra Arte e Gioco.
L’intenzione non è quella proporre una guida turistica ma un esempio di turismo culturale avanzato sperimentale a disposizione del Comune di Venezia.
Le informazioni che arriveranno al turista-visitatore-giocatore saranno di tipo frammentario ed enigmatico. Dettagli urbani fatti di particolari di opera d’arte, di elementi architettonici, di leggende urbane, racconti, aneddoti, ma anche particolari di opere in mostra, appariranno come dei simulacri improvvisi, come “ingranditi”, “aumentati” da una immaginaria lente d’ingrandimento tecnologica.
I dettagli genereranno una narrazione paratattica, i dettagli riporteranno al tutto, alla città, che sarà ricomposta come un gioco a discrezione del visitatore, a seconda dei propri interessi (artistico, artigianale, enogastronomico…).
La rappresentazione visiva di Venezia sarà dunque parziale e indiziaria.
Le memorie digitali dovranno essere vissuti come appunti da approfondire.
Un percorso marcato dal dispatchwork di Jan Vormann darà un segnale poetico di realtà aumentata con installazioni artistiche, mentre il Tetris Carpet di Massimo Giuntoli - Wizarp sarà anche praticamente un segnale visivo-artistico da utilizzare per inquadrare il QR e scaricare l'applicazione.

Nessun commento:

Posta un commento