Corsi e workshop

LA FORMAZIONE è IN GIOCO!! GAME-LAB@ATHENA VARESE





L’offerta formativa del progetto “Dev-Lab – Formazione per lo sviluppo videoludico” è mirata all’apprendimento di metodi e strumenti pratici aventi l’obiettivo di formare figure professionali in grado di occupare ruoli di responsabilità in realtà di sviluppo videoludico di livello nazionale ed internazionale. 
Il fine dei corsi progettati consiste nell’introdurre i partecipanti al mondo dello sviluppo videogame; i corsi sono brevi, modulari e propedeutici gli uni agli altri proprio per garantire la flessibilità necessaria ad acquisire le conoscenze adeguate per ogni singolo settore disciplinare. Le macro aree prese in oggetto sono:
GRAFICA 2D e 3D - UNITY
PROGRAMMAZIONE (MOBILE – SOCIAL – WEB)
COMUNICAZIONE DIGITALE (social media mrktng)
ARTE e GAME ART PER GAME DESIGNER - connessioni remote
giornalismo videoludico

A chi si rivolge
Alcuni moduli si rivolgono a professionisti già accreditati e con codice che vogliano fare aggiornamenti intensivi; professionisti della comunicazione che vogliano aggiornarsi. Studenti di I livello che non hanno trovato sbocchi di studio adatti alle proprie capacità e vogliano intraprendere una formazione che prepari al lavoro nelle software house per app e videogames; Studenti di II livello provenienti da corsi tecnici che si sentono portati a intraprendere la carriera videoludica; studenti di altri corsi che vogliono applicare la loro passione per i videogames e farla diventare una professione.

I docenti/testimonial
Social Media: Annalisa Silingardi; Giornalismo videoludico: Emilio Cozzi di NOVA Sole24, Emanuele Cabrini di Gamesearch, Luca Roncella del Museo Scienza, Andrea Facchinetti e Raffaele Cinquegrana di Console Generation, Salvo Mica di E-Ludo, Andrea Peduzzi di Eurogamer, Filippo Zanoli di Evil Monkey Says, Luca Papale, Stefano Gallarini, Andrea Babich, Luca Deriu; Arte e Game Art: Debora Ferrari, Luca Traini di Neoludica; 2D-3D Unity Fabio Corica, Tommaso Lintrami.

Date
Da Novembre 2013 >  a giugno 2014
Sede corsi
Istituto Athena, Varese, via Dandolo
Servizi offerti
Orientamento – CV Outplacement – Tutorship - feedback 30 giorni - Stages

Ammissione
Non sono previsti esami di accesso e selezione ma solo colloqui atti a comprendere da parte del docente il grado di motivazione dello studente o del corsista.

Costi
Ogni modulo costa € 400,00. Social media mktng € 290. Per chi si iscrive a 2 o più corsi viene applicato uno sconto del 10%. Per chi si iscrive a tutto il percorso formativo, frequentando tutti i moduli, lo sconto è del 20%. Con l’opzione ‘porta un amico’ si ottiene uno sconto del 10%. Classi min 10/max 20 corsisti.


info corsi: neoludica@gmail.com

http://www.istituto-athena.it/i-nostri-corsi/game-labathena/







GAME-LAB@ATHENA Varese
Corsi di formazione videoludica a Varese
  
L’Istituto Athena, a Varese da 50 anni e con una storia di tutta eccellenza in ambito sia umanistico che tecnico, ha aperto la nuova sede in via Dandolo e, con Neoludica-Game Art Gallery, ha programmato a partire da novembre una ‘Accademia’, un GAME-LAB per studiare e formarsi nell’ambito della videoludica e dello sviluppo di App, insieme a E-Ludo, l’associazione/azienda con cui ha portato per la prima volta al mondo l’arte dei videogames alla 54.Biennale di Venezia. In partnership con GameSearch.it, con cui da un anno circuitano in biblioteche e spazi espositivi una mostra che unisce il retrogaming, la storia del videogame e le game art, in ottobre aveva proposto una mostra per lanciare la ricca proposta di corsi nella suggestiva aula magna della SSML di Varese, in via Cavour.
L’offerta formativa del progetto “GAME-LAB, formazione per lo sviluppo videoludico” è mirata all’apprendimento di metodi e strumenti pratici aventi l’obiettivo di formare figure professionali in grado di occupare ruoli di responsabilità in realtà di sviluppo videoludico di livello nazionale e internazionale. 
Il fine dei corsi progettati consiste nell’introdurre i partecipanti al mondo dello sviluppo videogame; i corsi sono brevi, modulari e propedeutici gli uni agli altri proprio per garantire la flessibilità necessaria ad acquisire le conoscenze adeguate per ogni singolo settore disciplinare. Le macro aree prese in oggetto sono:
1.       GRAFICA
2.       PROGRAMMAZIONE (MOBILE – SOCIAL – WEB)
3.       SOUND
4.       COMUNICAZIONE DIGITALE (social media mrktng)
5.       Arte e GAME ART PER GAME DESIGNER - connessioni remote
6.       Giornalismo videoludico

QUI le pagine coi programmi dei corsi

I PROSSIMI CORSI
31/01-1/02 social media marketing
28/02-1/03 social media marketing, grafica 2D/3D videogames, giornalismo videoludico, arte per game designer

Costi: 
290 Euro Social Media, SEO base e SEO avanzato
400 Euro tutti gli altri

………………………………………………………………

Organizzatori: Istituto Athena con Neoludica 
Co-organizzatori: Gamesearch, E-Ludo LAB
TEMA: LA FORMAZIONE è IN GIOCO! nuovi corsi di formazione

Comunicazione e social media: Martina Roncari, Robert Clarke, Athena; Neoludica, Debora Ferrari; Ambra Bonaiuto, E-Ludo; Emanuele Cabrini, Gamesearch.

***************************





L'ARTE è IN GIOCO, 2 secoli di arte ludica per arrivare al videogame





CORSI PER GAME DESIGNER E SVILUPPATORI SUL LAGO MAGGIORE



UNA CONFERENZA ITINERANTE PER SCOPRIRE TUTTE LE OPPORTUNITA' ITALIANE DELLA GAME CULTURE


I videogiochi oggi rappresentano un grande mezzo di comunicazione, cultura e aggregazione. Utilizzati da almeno 155 milioni di persone al mondo rappresentano la nuova frontiera delle arti del XXI secolo e dell’intrattenimento interattivo. Capirli, utilizzarli al meglio, scoprirne le potenzialità, valorizzarne i contenuti estetici e sociali, è ciò che ci siamo prefissati di fare iniziando le nostre ricerche nel 2008. L’industria videoludica oggi è in costante espansione e in Italia si sono aperti vari canali di formazione per giovani che presto potrebbero lavorare in questi ambiti creativi e tecnologici. Con le mostre, i workshop, le conferenze e gli eventi, intendiamo portare a conoscenza di tutti la rete virtuosa che abbiamo contribuito a creare e promuovere in questi anni.

...SE VUOI SCOPRIRE TUTTI I TESORI...PROCEDI QUI IN PREZI


GAME ART GALLERY ON PREZI
E poi prenota nella tua sede la conferenza o il workshop scrivendo a neoludica@gmail.com

                                                    @@@@@@@@@@@@@


L'ARTE è IN GIOCO?
ne parliamo con Debora Ferrari e Luca Traini al Gameland diVillasanta, 22.12.12


Villa Camperio, Villasanta, luogo della mostra GameLand e MoMA Tribute, incontri e workshop


Programma essenziale:

- L'arte è in gioco: la game art nel serbatoio visivo delle arti contemporanee 
- le possibilità di formazione in Italia in campo videoludico e relative possibilità lavorative
- il PEGI e la fruizione dei videogiochi in famiglia
- possibilità didattiche nelle scuole col medium videoludico e progetti sperimentati
- editoria sul tema, in campo artistico, semiotico, letterario, filosofico, storico

Sempre partendo dalle nostre esperienze sul campo e da quello che abbiamo costruito in questi anni tra mostre, convegni, conferenze e partecipazioni, con gallerie fotografiche, slideshow e video per rendere intrigante il discorso e aperto a tutte le età.

E' necessaria la prenotazione per posti limitati (min 10 - max 30) scrivendo a neoludica@gmail.com o a GameSearch entro il 21.12.12.



> Toolkit Research
Workshop con artisti internazionali in attesa del Toolkit Festival 2013

Immagine in linea 1
> Karin Smigla - Bobinski


30-31 ottobre 2012: Camille Scherrer 
> Deadline: 26 ottobre 2012
  
> 15-16 novembre 2012: Yap Nam Weng
> Deadline: 13 novembre 2012

> 1-2 dicembre 2012: Karina Smigla Bobisnki
> Deadline: 27 novembre 2012  

  
> Sono aperte le iscrizioni ai workshop con gli artisti Camille Scherrer, Yap Weng Nam e Karina Smigla-Bobinskioperanti nel campo della New Media Art, organizzati dal Tookit Festival insieme ad A plus A Centro Espositivo Sloveno e finanziati con i fondi per le attività studentesche dell'Università Ca' Foscari di Venezia.
  
> I workshop rappresentano un primo appuntamento con il Toolkit Festival in vista della sua terza edizione dal titoloContemplative Pathways che si terrà a Venezia il 9, 10 e 11 maggio 2013. Gli artisti spiegheranno ai partecipanti i segreti delle loro opere interattive e concluderanno le due giornate di lavoro con una performance. Si svolgeranno presso la sede di A plus A Centro Espositivo Sloveno e avranno la durata di due giorni. Vogliono essere un’importante opportunità formativa, un momento di scambio didattico unico nel suo genere, in cui il pubblico avrà la possibilità di incontrare gli artisti e di conoscere da vicino il loro lavoro.
  
> Il primo workshop sarà tenuto da Camille Scherrer, giovane designer svizzera di installazioni interattive che ama sperimentare e giocare con l’arte e la tecnologia. Ha creato un universo molto personale ispirato ai boschi in cui è cresciuta, fatto di animali, funivie e vecchie cartoline. Si e’ laureata nel 2008 alla University of Art and Design di Losanna in Comunicazione visiva ed e’ stata premiata con Best European Design Diploma (Talent exhibition, Design huis, Eindhoven). I suoi progetti sono stati esposti e recensiti al livello internazionale al MoMA – New-York, Siggraph Japan, San José California Biennal, digital art festival di Seoul. 
>  
Immagine in linea 2
> Camille Scherrer – Turning Plates
  
> Il secondo appuntamento è stato fissato per il 15-16 novembre 2012 insieme all’artista Yap Weng Nam, graphic designer proveniente da Kuala Lumpur, Malesia, ma trasferitosi in Olanda dopo alcune esperienze lavorative a Barcellona e a Praga. Il suo lavoro si snoda dai più classici media cartacei a lavori multimediali che sfociano in una totale fusione tra grafica e suono: stampe di pattern geometrici che posizionati su giradischi vengono trasformati in suoni. Tra  i piccoli booklet con packaging curatissimi ed eleganti, assemblati manualmente, cartoline serigrafate, poster e francobolli troviamo delle opere che riflettono la sua vita personale: alcune sono diari, altre impressioni di esperienze vissute. In questi lavori il linguaggio contemporaneo rispecchia l'autore: i riferimenti grafici orientali si mescolano ad influenze olandesi di tipo neoplastico, creando un armonia di forme pure e solennità, di rigore e dinamicità.
  
> L’1 e il 2 dicembre toccherà all’artista Karina Smigla-Bobinski. Nata nel 1967 in Polonia, vive e lavora tra Monaco e Berlino. Dopo essersi laureata in pittura e comunicazione visiva all’Accademia di Belle Arti di Cracovia e di Monaco, lavora oggi su progetti che spaziano dall’interattività alle installazioni site-specific e multimediali. L’artista insegna presso il dipartimento di Arte e Design all’Università di Scienze Applicate di Asburgo, Germania. Le sue opere sono state esposte in più di trenta Paesi in festival, gallerie e musei tra cui la Biennale di Venezia e la Biennale di Busan, in Corea del Sud, il FILE Electronic Language International Festival di San Paolo e Rio de Janeiro, la VideoAKT Biennal di Berlino e LOOP - Video Art Fair di Barcellona. 

> Il progetto più famoso è Ada, un’installazione interattiva che si trasforma in una scultura cinetica. Si tratta di un’enorme sfera di plastica e elio con carboncini disseminati sulla superficie che stimola i presenti a interagire con l’oggetto affinché riproduca dei disegni sulle pareti. Ogni volta che uno spettatore cerca di imporre alla sfera di tracciare una figura precisa però, la reazione della membrana in base alle leggi della fisica, rimanda un movimento e un tratto diversi, creando una sorta di opera artistica generativa.
>  
Immagine in linea 3
> Jap Nam Weng – Internship report

> Nel corso delle due precedenti edizioni (Venezia, marzo 2011 e maggio 2012) il Toolkit Festival, ideato da Martin Romeo e dedicato all’arte interattiva e multimediale, è diventato uno degli appuntamenti di riferimento della scena culturale veneziana, un evento in grado di coinvolgere la città intera e le sue istituzioni. Forti del successo di pubblico e critica ottenuto gli anni scorsi durante le precedenti edizioni del Toolkit festival gli organizzatori hanno deciso di compiere un ulteriore passo in avanti, intensificando gli appuntamenti e dunque la qualità dell’offerta del Festival, invitando artisti importanti e dando l’occasione a Venezia di diventare ancora una volta un luogo in cui la ricerca artistica, il dialogo e lo scambio con il pubblico sono ritenuti di fondamentale importanza per lo sviluppo della città e dei suoi abitanti.

__________________________________________________________________________________________ 



Eccezionale workshop con Ubisoft Sviluppo Italia 
in sede di mostra

Continuano i workshop di Art (R)Evolution al Museo della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" - Milano
SABATO 27 OTTOBRE 2012 | 15.30 – 17.30
Ubisoft racconta: come nasce un videogioco?
Sala mostre | attività senza prenotazione all'infopoint | Da anni 8
con Gian Marco Zanna, producer Ubisoft Italia Ufficiale sviluppo e lo staff di MF Labs.

Attraverso l'esperienza di Gian Marco Zanna, producer Ubisoft, verranno percorsi insieme i diversi momenti che portano alla nas
cita di un videogioco.

Come nasce un videogioco?
Quali competenze sono oggi richieste dall'industria videoludica?
Di quali figure sono alla ricerca le software house di sviluppo e quali attività comporta questa professione?

Una possibilità unica per confrontarsi direttamente con un operatore del settore ascoltando la sua esperienza personale, un’occasione imperdibile per fare domande e rispondere ad ogni curiosità.
Al termine della chiacchierata sarà inoltre possibile giocare ad alcuni episodi di Assassin's Creed su computer ad alte prestazioni e valutare insieme a Gian Marco le modalità progettuali e costruttive di questo videogioco.


Sabato 27 e domenica 28 ottobre
a ciclo continuo dalle 10.00 alle 18.00 | Sala mostre | Da anni 18 | attività senza prenotazione all'infopoint
Videogames ad alte prestazioni

Giochiamo su PC ad altissime prestazioni agli episodi della serie Assassin's Creed ambientati nelle città d'arte italiane e riflettiamo su arte e tecnologia.
I pc sono creati ad hoc da MF Labs.

INFORMAZIONI
L’ingresso alla mostra e le attività sono incluse nel costo del biglietto del Museo.

Le info al Museo della Scienza


CarcanoGamesLab: videogiochi e scuole superiori
di Andrea Peduzzi
Anche il 'gioco' è una cosa seria.
Laboratori culturali e tecnici come quello al Carcano 
non solo aiutano la Game Culture italiana
ma  aprono orizzonti interessanti e concreti ai giovani
che avendo passioni artistiche potranno trovare lavori professionalmente gratificanti.
Grazie ad Andrea Peduzzi per l'articolo che sosteniamo in pieno!
Stiamo lavorando a dei workshop didattici nelle scuole
di primo e secondo grado sia sullo sviluppo che sulla critica videoludica.
A presto!
Neoludica

Una ventina d’anni fa, l’unico modo che avevo per fare entrare i videogiochi al liceo era nascondere il Game Boy nel mio gigantesco zaino Invicta color arancione: ridicolo, per gli standard odierni, ma all’epoca decisamente cool. Più o meno come il Game Boy.
Per questa e altre ragioni che non sto ad elencare, mi fa ancora piuttosto strano pensare di essere riuscito a organizzare - assieme agli inestimabili colleghi Filippo Zanoli, Luca Deriu e la guest star Andrea Babich - il CarcanoGamesLab, un vero e proprio laboratorio videoludico durato una settimana intera (dal 27 febbraio al 2 marzo 2012), durante il quale un centinaio di ragazzi dell’I.S.I.S. Paolo Carcano di Como hanno sospeso le regolari lezioni per lavorare a pieno regime allo sviluppo di dieci piccoli videogiochi. E divertendosi un sacco, pure. Va detto che i lavori dagli studenti non possono certamente definirsi dei tripla A, e a fronte di una certa freschezza a livello di grafica e concept (con alcune trovate che farebbero invidia ai Monty Python), mostrano delle dinamiche d’interazione ancora incomplete; probabilmente qualche giornata extra di debug non avrebbe guastato, ma poco importa: il nostro scopo non era il risultato, ma il viaggio. Volevamo raccontare a questi ragazzi/giocatori (di età compresa tra i 17 e i 19 anni e iscritti ai corsi di grafica e arte) quello che si nasconde dietro allo sviluppo di un videogioco, e soprattutto che il game design è un vero e proprio percorso creativo che richiede dedizione, disciplina, ma anche un consumo bulimico di “cibarie umanistiche” che vanno dalla cultura pop più sfacciata al mito classico.
Tornando al punto: come siamo riusciti in un’impresa del genere? L’idea, in realtà, è maturata all’interno dell’istituto stesso, che già da un paio d’anni propone ai ragazzi delle lezioni teoriche sui videogiochi curate da Filippo. Grazie al buon riscontro, la preside Anna Cornaggia e la professoressa Daniela Lanzi ci hanno proposto di passare dalla grammatica alla pratica e di organizzare un vero e proprio laboratorio. Chiaramente, per gestire una cosa del genere la nostra preparazione teorica (e pure un po’ snob) non era senz’altro sufficiente, ragion per cui ci siamo affidati all’esperienza di Luca Deriu di PlaySys, già insegnante in NABA nonché esperto di grafica in 3D, che si è coraggiosamente sobbarcato la parte più tecnica del corso. Infine, last but non least, siamo riusciti a coinvolgere Andrea Babich di Ubisoft, che ha accettato di preparare una lectio magistralis sul game design che verrà somministrata ai ragazzi alla fine di aprile.
A livello didattico ci siamo mossi in questo modo: io e Filippo durante la prima giornata abbiamo tenuto una serie di lezioni teoriche dedicate ai generi videoludici, alle principali meccaniche d’interazione e al rapporto tra videogioco e arte, mentre Luca ha illustrato agli studenti le potenzialità dello sviluppo in 3D, giusto per far venire loro l’acquolina in bocca. Per quanto riguarda invece la parte laboratoriale, in un primo momento si era pensato di limitare il lavoro agli asset grafici, ma alla fine pareva brutto schivare il game design, così abbiamo alzato un po’ il tiro e spinto gli studenti a elaborare completamente il concept dei giochi, l’interazione e il level design. Dopo aver fornito loro una manciata di vincoli (che considero il sale della creatività), li abbiamo armati con StencylWork e “obbligati” a dannarsi sulla logica, sempre seguendoli passo per passo. Il risultato è stato sorprendente, e molti studenti hanno addirittura preferito questa sessione rispetto al più familiare lavoro su Photoshop o Illustrator. Tra una cosa e l’altra la settimana ci è scivolata tra le dita a una velocità pazzesca, e i ragazzi sono riusciti a sorprenderci per il loro impegno e la dedizione alla causa. Addirittura alcuni di loro hanno preso in considerazione la possibilità di affrontare un percorso universitario propedeutico al mondo dei videogiochi, che non è cosa da poco. 
In definitiva, posso affermare serenamente che l’esperienza è stata decisamente positiva, e mi auguro che il nostro piccolo esempio possa spingere altri istituti ad accollarsi il rischio (relativo) di portare i videogiochi nelle loro aule, magari anche attraverso dei seminari teorici: così, giusto per combattere la disinformazione e permettere ai ragazzi di accumulare massa critica su qualcosa che bazzicano fin da piccoli, ma di cui  magari non afferrano completamente il senso. Noi stessi puntiamo a esportare il nostro laboratorio anche altrove, magari declinandolo ad hoc a seconda delle risorse a disposizione; inoltre, non ci dispiacerebbe arricchire l’esperienza del Carcano accompagnando i ragazzi in visita presso qualche studio di sviluppo, o cercando per loro dei brevi stage estivi: si vedrà.
In chiusura vorrei rubare ancora due righe per ringraziare la preside Cornaggia, la professoressa Lanzi e tutti gli insegnati del “Paolo Carcano” per la dedizione e la pazienza dimostrata; i ragazzi per la passione e la simpatia; Filippo, Luca e Andrea B., naturalmente; Ilaria Amodeo di AESVI per i manuali sulla game education e il supporto, e infine l’amico Donald Cortese, che si ostina a leggere i pezzi di Matteo Bittanti su “duellanti” senza capirci una sola parola, e senza il quale il nostro progetto non sarebbe probabilmente mai esistito.

Miniblog del corso gestito dai ragazzi: http://carcanogameslab.wordpress.com/
Sito dell'istituto: http://www.setificio.com/
Blog di Filippo Zanoli: http://gamesvertigo.wordpress.com/


Contatti:
Andrea Peduzzipeduzzi.andrea@gmail.com

neoludica@gmail.com


@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@


Iniziano i workshop, gli incontri e le conferenze di Neoludica.
Settembre 2011 si prepara ad essere un mese attivissimo e pieno di sorprese!

Prima di leggere il calendario vi suggeriamo queste modalità di prenotazione (ci sarà la coda al Candiani).
Per gli incontri di Marianna Santoni è sempre obbligatoria la prenotazione che trovate qui sul suo sito.
Per tutti gli altri incontri vi chiediamo di mandare una mail di prenotazione con nome e cognome, titolo evento e data a cui parteciperete a neoludica@gmail.com.
OPZIONE SEMPLICE: Chi si prenoterà avrà i posti riservati e non rischierà di far la coda o restare fuori (capienza massima sala 140 posti).
OPZIONE AMICO: chi si prenoterà tramite mail e prenotando anche una copia del catalogo versando € 5,00 come AMICO DI NEOLUDICA/NEOLUDICA FRIEND, otterrà anche uno sconto sul catalogo stesso di pari importo e potrà ritirarlo in sede di mostra entro il 27/11 al prezzo di € 23,00 invece che € 28,00 e nel caso volesse farselo inviare a domicilio le spese di spedizione saranno gratuite. Se poi ci invierete una piccola immagine troverete già il vostro badge pronto e personalizzato come NEOLUDICA FRIEND! L'amico non interessato al catalogo ma che si prenoterà versando la quota riceverà una bag con vari omaggi. Inviando la mail riceverete la scheda e le modalità di prenotazione catalogo.


PROPOSTE CORSI A PARTIRE DA NOVEMBRE
Musea Game Art Gallery ed E-Ludo proporranno corsi e Master Class sulla comunicazione, il marketing e la fotografia dato che si evolve continuamente il modo di lavorare con il web e con i social network.     


               * Workshop di web marketing
       Workshop di comunicazione 2.0 e 3.0
        Workshop promozione turistica 2.0 e 3.0
-             * Master Class di fotografia paesaggistica, food, architettura, beni culturali, nei luoghi di interesse
-            * Corso per curatori e organizzatori di mostre ed eventi nel settore arte e videogiochi
              * Workshop di scritture digitali
       *  Master Class di fotografia e scrittura per blogger
-          * Corso di giornalismo videoludico
-          * Dev-Lab, corso di sviluppo
-          * Corso di operatore di didattica museale coi videogiochi

i       Se desiderate ricevere informazioni e segnalazioni su dove e quando si terranno potete inviare una mail a neoludica@gmail.com e ricevere le date e i luoghi dei seminari. I corsi possono essere richiesti in qualsiasi città italiana e della Svizzera italiana con un raggiungimento minimo di 30 iscritti. Costi e modalità di pagamento verranno comunicati prossimamente nei panel dei singoli corsi. A novembre partiranno i primi in collaborazione con EN SPACE a Milano.


CALENDARIO SETTEMBRE, CENTRO CULTURALE CANDIANI, MESTRE


CON LA SCUOLA INTERNAZIONALE DI COMICS


LUNEDI 12 SETTEMBRE   ORE: 14.30-17.30

Metodologie per la progettazione e realizzazione di un fumetto.

Stefano Tamiazzo
Francesco Frosi
Antonio Menin



MARTEDI 13 SETTEMBRE ORE: 14.30-17.30

Metodologie e principi pittorici applicati alla game art.

Vittorio Bustaffa
Angelo Bussacchini
Pierluigi Ongarato
Stefano Tamiazzo


MERCOLEDI 14 SETTEMBRE ORE: 14.30-17.30

Rapporti tra fotografia e grafica nella produzione di game art e comunicazione
visiva.


Matteo Rosin
Lorenzo Scaldaferro
Stefano Tamiazzo 




SABATO 24 SETTEMBRE ORE 9.30-14.00



Da Toulouse-Lautrec a Pamela Anderson, quando l’immagine pubblicitaria diventa arte

Incontro di Marianna Santoni con Cristiano Nardò


Presentazione del volume NEOLUDICA edito da Skira
Con aperitivo Aperol Spritz, Venezia, h 17 






VENERDI 30 SETTEMBRE   fino alle 24 per tutta Mestre e anche al centro Candiani
IL GUSTO DELLA CULTURA 
Una giornata di saperi e sapori
Visite guidate alla mostra NEOLUDICA. ART IS A GAME, incontri con artisti e autori, degustazioni  
con il Distretto Commerciale dell'Eporediese


DOVE NON SPECIFICATO DIVERSAMENTE GLI INCONTRI SONO SEMPRE A INGRESSO GRATUITO.


ATTENZIONE! LE PRENOTAZIONI VENGONO CHIUSE IN SEGRETERIA 2 GIORNI PRIMA DELL'EVENTO. AFFRETTATEVI!

*******************************************************************************
IUAV, con E-Ludo e Musea, ha aperto il bando per NEOLUDICA CREW per chi è realmente appassionato e desidera fare dell'arte e dei videogiochi un percorso professionale.
Entro il 15 maggio è possibile inviare il curriculum per candidarsi seguendo le informazioni della locandina