sabato 13 dicembre 2014

Effetto di Massa, robotica e fantascienza tra videogame e società

Il libro di Francesco Toniolo edito da TraRari TIPI Game Art Gallery
presentazione al pubblico 11 dicembre ore 20.30 FaberLab Tradate (VA);
Archivio Videoludico di Bologna 13 dicembre ore 17,00.
Artwork di copertina by Filippo Scaboro, digital painting


Il tema del rapporto fra l’uomo e la macchina attraversa con frequenza l’intera produzione mediale novecentesca, trovando da sempre nella fantascienza un campo d’applicazione privilegiato, seppur non esclusivo. Il saggio a firma Francesco Toniolo Effetto di Massa. Fantascienza e robot in Mass Effect presenta una indagine tematologica intorno a questo rapporto, attraverso un confronto fra la trilogia videoludica di Mass Effect (BioWare, 2007-2012) ed alcuni classici letterari ed audiovisivi del genere sci-fi. La trilogia analizzata è significativa per la varietà e la complessità delle possibili interazioni fra elementi organici e sintetici che presenta al suo interno, così come nella sua stessa natura di videogioco riflette una specifica dimensione relazionale fra l’uomo/player e la macchina/videogioco. Nelle cinque principali sezioni del saggio la tematica generale è di volta in volta presentata in un suo aspetto specifico, sempre in relazione con opere precedenti. Il saggio è stato edito da TraRari TIPI in ottobre 2014 e presentato in anteprima alla Milan Games Week; formato 21x15, 280 pagine, ISBN 978889406205.

In questi ultimi anni si è assistito al prendere forza, negli studi storici e nei repertori espositivi, del game design e delle arti interattive. Game Art Gallery, il progetto che dal 2011 ha come obiettivo la promozione delle arti videoludiche nelle arti contemporanee e nelle lettere con grande cura del particolare e della qualità dei contenuti. Game Art Gallery ha pubblicato col marchio TraRari TIPI The Art of Games, nuove frontiere tra gioco e bellezza2009, abbinato al marchio Skira Arte e Videogame. Neoludica, 2011 per il doppio padiglione come Evento Collaterale alla 54.Biennale di Venezia,  Assassin’s Creed Art (R )Evolution sempre insieme a Skira, come catalogo della mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Con questo saggio apre la nuova collana Game Culture Book.

Francesco Toniolo (1990) ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, con una tesi di Letterature Comparate sulle relazioni uomo-macchina in Mass Effect che è alla base del presente saggio. I suoi interessi di ricerca si concentrano sui rapporti fra la cultura umanistica ed il settore videoludico. Ha scritto due saggi riguardanti una rilettura filosofica di ICO ed il recupero della performance teatrale in Paper Mario: Il Portale Millenario, rispettivamente pubblicati su «Parol. Quaderni d’arte e di epistemologia» e su «Comunicazioni Sociali». Scrive per il sito GameSearch.it e collabora con Neoludica Game Art Gallery. Il saggio Effetto di Massa. Fantascienza e robot in Mass Effect è il suo primo libro.

L'artwork in digital painting e realizzato da Filippo Scaboro, game artist; per cortesia mettere l'autore se lo utilizzate nelle recensioni.

La serata al FaberlLab è raccontata QUI in dettaglio.
Archivio Videoludico di Bologna QUI.

venerdì 5 dicembre 2014

Gamification: il videogioco industria di arte, cultura e formazione- appuntamento 11 dicembre a Tradate (VA)

DURANTE LA SERATA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CON FONDAZIONE PER LEGGERE E DEL LIBRO 'EFFETTO DI MASSA' DI FRANCESCO TONIOLO.
Il 13 Toniolo presenta il titolo di TraRari TIPI all'Archivio Videoludico di Bologna.
Al centro dell’Officina delle Idee i videogames. Il prossimo giovedì 11 dicembre al Faberlab Debora Ferrari, giornalista e critica d’arte, e Luca Traini,, scrittore e curatore d’arte, Ideatori di Neoludica Game Art Gallery.
750x181_GAME
L’incontro si concentrerà sul tema “Gamification: il videogioco industria di arte, formazione e cultura” mettendo al centro  le potenzialità culturali, formative, artistiche e lavorative delle game art e dei videogiochi.
La sera verrà anche inaugurata la mostra di storia videoludica e affiche di game art  che sarà aperta dall’11 al 19 dicembre 2014.
I videogiochi oggi rappresentano un grande mezzo di comunicazione, cultura e aggregazione. Utilizzati da almeno 170 milioni circa di persone al mondo rappresentano la nuova frontiera delle arti del XXI secolo e dell’intrattenimento interattivo. Capirli, utilizzarli al meglio, scoprirne le potenzialità, valorizzarne i contenuti estetici e sociali, è ciò che ci siamo prefissati di fare iniziando le nostre ricerche nel 2008.
Il mercato dei giochi 2012-2016
Il mercato dei giochi 2012-2016
L’industria videoludica oggi è in costante espansione e in Italia si sono aperti vari canali di
formazione per giovani che presto potrebbero lavorare in questi ambiti creativi e tecnologici. Con le mostre, i workshop, le conferenze e gli eventi, intendiamo portare a conoscenza di tutti la rete virtuosa che abbiamo contribuito a creare e promuovere in questi anni.
“Quello che ci proponiamo di fare da 5 anni è anche dare una fisicità ai lavori digitali dei concept artist per valorizzarli e permettere anche al pubblico di non giocatori di godere quest’arte, spiegano Debora Ferrari e Luca Traini, creatori di Neoludica Game Art Gallery. Inoltre stimoliamo la società a comprendere la forza comunicativa e lavorativa dell’industria videoludica dove molti giovani possono trovare sbocchi di studio e professionali”.
Con Gamesearch.it di Emanuele Cabrinida 2 anni Neoludica collabora per proporre con progetti espositivo e didattico-culturali sulla storia del videogioco e il piacere di giocare con titoli storici di retrogaming. Sul portale si trovano anche pagine di game art e pagine dedicate ai genitori per aiutare a comprendere titoli e funzionalità.
Accanto all’attività divulgativa ed espositiva che coinvolge più di 50 giovani artisti italiani, i curatori continuano anche una editoria di nicchia, curata e particolare, sotto il logo di TraRari TIPI per cui Francesco Toniolo, che parteciperà alla serata con anche Emanuele Cabrini, ha recentemente presentato in Milan Games Week il saggio ‘Effetto di Massa’ su Mass Effect, robotica e narrativa fantascientifica e i relativi impatti sociali.
Il tema del rapporto fra l’uomo e la macchina attraversa con frequenza l’intera produzione mediale novecentesca, trovando da sempre nella fantascienza un campo d’applicazione privilegiato, seppur non esclusivo. Il saggio a firma Francesco Toniolo Effetto di Massa. Fantascienza e robot in Mass Effect presenta una indagine tematologica intorno a questo rapporto, attraverso un confronto fra la trilogia videoludica di Mass Effect (BioWare, 2007-2012) ed alcuni classici letterari ed audiovisivi del genere sci-fi. La trilogia analizzata è significativa per la varietà e la complessità delle possibili interazioni fra elementi organici e sintetici che presenta al suo interno, così come nella sua stessa natura di videogioco riflette una specifica dimensione relazionale fra l’uomo/player e la macchina/videogioco. Nelle cinque principali sezioni del saggio la tematica generale è di volta in volta presentata in un suo aspetto specifico, sempre in relazione con opere precedenti. Il saggio è stato edito da TraRari TIPI in ottobre 2014. [la copertina del libro e l'immagine dell'evento al FaberLab sono di Filippo Scaboro per Game Art Gallery]

La mostra è composta da 10 quadri storici su come nasce il videogame e come si sviluppa tramite le generazioni di console, 20 quadri di Affiches di game art realizzati da giovani artisti, alcune opere di Game Photography di Emalord Electricblueskies, 2 postazioni di retrogaming, una serie di taccuini realizzati a mano da 13sedicesimi di Torino con le copertine personalizzate con soggetti gaming, tutto al FaberLab per una settimana fino al 19.12.14.


Artisti in Gallery: Samuele Arcangioli • Luca Baggio • Emanuele Bresciani  • i DELETE • Paolo Della Corte • Matteo De Petri  • Giacomo Giannella • Massimo Giuntoli • Emanuele La Loggia • Giovanni Maisto • Daniela Masera • Riccardo Massironi • Serena  Piccolo • Rosy Nardone  • Gabriella Parisi • Mauro Perini • Luca Roncella • Giuditta Sartori • Filippo Scaboro • Cristian Scampini • Claudia Tuci Tuciax • Federico Vavalà • Mattia Zarini

per registrarvi su eventbrite cliccate QUI

giovedì 13 novembre 2014

MOSTRA PER GIOCO A SPAZIO TADINI, continua fino al 21 novembre


Una partnership con 13sedicesimi (in foto l'esposizione di taccuini realizzati a mano con le copertine degli artisti) iniziata con la Milan Games Week prosegue fino al 21 novembre nelle sale di Spazio Tadini a Milano in occasione del progetto 'Mostra per Gioco' creato da Spazio Tadini con Neoludica Game Art Gallery e Caterina Seri.

Innanzi tutto il nome: “13 sedicesimi” deriva dalla composizione dei taccuini, che sono composti da 13 blocchetti di 16 fogli ciascuno. Il totale quota 208 pagine, rigorosamente alternate una a righe e una bianca, per consentire di prendere appunti, ma anche per tracciare schizzi, tentare uno schema, immaginare un'impaginazione. L'innovazione più importante è tuttavia l'introduzione di un indice che, posto nelle prime pagine, si rivela uno strumento indispensabile per ritrovare in pochi secondi le proprie note.  Il dorso, che nelle normali pubblicazioni a brossura impedisce una completa apertura delle pagine, è stato eliminato. I sedicesimi sono rilegati a filo. La copertina rigida è un must perché scrivere sia comodo anche quando non c’è un tavolo su cui appoggiarsi.

Handmade in Torino
Come tante novità, anche 13sedicesimi nasce a Torino, dove sono nati il cinema, la moda, il Salone del libro e dove ha avuto origine l'arte tipografica, con preziosi volumi stampati già nel xv secolo. La rilegatura è fatta a mano, da esperti artigiani.

Il design
13sedicesimi è design inteso in senso anglosassone, ovvero un progetto che privilegia praticità ed ergonomia. Ma è anche design inteso “all'italiana”, quindi estetica e stile capaci di accendere emozioni. Da questo punto di vista, 13sedicesimi si presenta sobrio, equilibrato, minimalista, è un prodotto di carta e cartoncino (o legno), L'elastico di chiusura è obliquo in omaggio al marchio: l'inclinazione è la medesima della matita che sostituisce il la barra tra 13 e 16. Un segno originale, unico ed esclusivo.
La designer è Silvia Caligaris, torinese, come torinese è anche Claudio Servetti, che di 13sedicesimi è ispiratore e produttore.

La personalizzazione
Una grande parte del successo di 13sedicesimi deriva dalla possibilità di personalizzare la copertina. La personalizzazione più comune consiste nell'incidere il nome del proprietario o il logo dell'azienda, il che ne fa il regalo perfetto, tanto più che è possibile ordinare anche un singolo pezzo personalizzato ad un prezzo più che ragionevole. Ma si può fare ben altro. La personalizzazione è libera. Ci sono 336 centimetri quadrati a disposizione in ogni copertina, una superficie sulla quale incidere parole, grafiche, disegni o riprodurre opere d'arte in tiratura limitata o in un unico pezzo.

La linea
13sedicesimi è taccuini (16x21.7 cm) e taccuini pocket (11x15 cm) L'agenda unisce alle pagine di planning settimanale, pagine numerate con indice per appunti, alternate, bianche e a righe. Ultimi nati, i quaderni in formato pocket, con 80 pagine tutte bianche e le agende slim, con le settimane numerate e spazio per appunti in ogni apertura.

13sedicesimi e la comunicazione
13sedicesimi comunica volentieri con tutti e con tutto. In particolare, trattandosi di un prodotto di design, dialoga molto bene con l'arte in tutti i suoi aspetti. Nasce così l'idea di partecipare alla Milano Games Week dove la creatività dei taccuini pocket si sposa perfettamente con lo spirito della Manifestazione mentre l’artigianalità del prodotto, rilegato a mano, tattile e concreto crea un piacevole contrasto con il carattere digitale della manifestazione. Il risultato sarà esposto allo Spazio Tadini dove saranno in mostra le copertine di taccuini interpretate da artisti e digital artist.



Gli Artisti di 'Mostra per Gioco':
Luca Baggio, Alessandra Bisi, Ludovico Calchi Novati, Paolo della Corte, Andrea Locci, Emanuele la Loggia, Daniela Masera, Metaborg, Luca Moretto, Serena Piccolo, Johnny Pixel, Eleonora Prado, Fabio Savoldi, Patrizio Vellucci, Dario Zaffaroni, Mattia Zarini, Laura Zeni.

Il gioco è anello di congiunzione tra arte e pensiero scientifico. Ci immerge in un mondo spazio-temporale diverso da quello che siamo abituati a pensare.
E' il progetto di un mondo altro, dove la catena causa-effetto razionale si rompe in favore di legami surreali.

Si può sostenere che alcuni videogames siano la naturale evoluzione digitale del Grande Vetro, macchina celibe, di Duchamp?

Con certezza si può affermare che se William Gibson ha inaugurato (nel 1984, con Neuromante) il cyberspazio, oggi il desiderio di accedervi – anche creativamente – influenzi il sentimento estetico di miliardi di persone.

Durante gli anni cinquanta fu Munari ad affrontare il problema teorico di produrre oggetti a sola funzione estetica: le macchine inutili. Opere d’arte riproducibili in modo seriale adottando le tecniche della produzione industriale.

Oggi  proliferano gli artisti che creano e moltiplicano opere di ispirazione videoludica. Spazio Tadini, Game Art Gallery e la curatrice Caterina Seri ne hanno selezionati 15.

Per una volta, due visitatori di una mostra d'arte - triplicando il divertimento – potranno farsi in quattro per giocare con tutti e cinque i sensi. Il sesto senso ci dice che andranno al settimo cielo nelle otto ore di apertura dello spazio ludico.

opera e taccuino di Emanuele La Loggia

Opera e taccuino di Laura Zeni

Opera e taccuino di Luca Baggio

Opera e taccuino di Paolo Della Corte

Centro Culturale e Casa Museo Spazio Tadini, via Jommelli 24 Milano – t. 02 2682 9749
MM Loreto, MM Piola, Bus 62, 81

Orari galleria: dal martedì al sabato 15:00 – 19:30. Orari di apertura prolungati alle ore 24:00 in coincidenza con eventi e concerti. 

www.milanoartexpo.com- Milano Arte Expo magazine





 











martedì 28 ottobre 2014

Game Art con Assassin's Creed a Lucca Comics&Games, dopo quasi 100.000 visitatori alla Milan Games Week e Fuori Games Week


Non solo Game Art ma specialmente ispirata a un titolo e a dei personaggi molto particolari: Assassin's Creed di Unity, in uscita per Ubisoft, e episodi precedenti. Per la prima volta in Italia 50 artisti contemporanei, alcuni attivi nell'industria videoludica come concept artist altri attivi professionalmente nell'arte contemporanea, hanno accettato la sfida 'ad arte' di interpretare il mondo culturalmente ricco di AC. Dal 30 Ottobre al 2 Novembre 2014, accanto al Contest nazionale lanciato per fan di tutte le età e aspiranti illustratori, nel grande evento diLucca Comics and Games in Villa Bottini è previsto il coinvolgimento di tutto il gruppo di artisti di Game Art Gallery, con ospiti di MenteZero e altri autori contemporanei dall’Accademia di Belle Arti di Venezia e non solo, per la realizzazione di opere di game art (dalla concept alla game, dal video al machinima) in omaggio ad Assassin’s Creed per l’uscita dell’episodio ambientato durante la Rivoluzione Francese, Unity. In mostra una cinquantina di grandi opere realizzate da circa cinquanta autori tra i game artist italiani più affermati e bravi sia nella concept art che nella computer graphic, ma anche artisti contemporanei che dipingono e scolpiscono con metodi tradizionalmente materici. In questo modo il pubblico godrà di una grande mostra di arte contemporanea che cita la storia del ’900 con l’interpretazione degli artwork di Assassin’s Creed e restando fedele al tema diventerà molto particolare e interessante per il pubblico di appassionati e di richiamo anche per l’esterno. Ci sarà anche la ricollocazione della Macchina dei Ritratti di Samuele Arcangioli, presentata in prima al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, per fruizione del pubblico nel padiglione, ma espansa in forma lineare.

GIOCARE CON LE FORME_ASSASSINI E AVANGUARDIE DEL ‘900
Decollezione di arte videoludica
Ideazione e cura di Debora Ferrari e Luca Traini, Game Art Gallery Neoludica
Testi di mostra in collaborazione con Emanuele Cabrini e Francesco Delrio
Collaborazioni mostra e promozioni ARTISTI di Game Art Gallery
Ambra Bonaiuto, Andrea Ferrari, Riccardo Hofmann, Salvo Mica, Carlo Gioventù e Biancamaria Mori di MenteZero con tutti gli artisti, Gloria Vallese dell’Accademia di Belle Arti di Venezia con gli artisti, Cristian Scampini e i colleghi ‘digitalisti’, Caterina Seri, Streamcolors.
 ARTISTI di Game art Gallery: Samuele Arcangioli l Luca Baggio | Andrea Chiarato | Fabio Corica | Paolo Della Corte | Matteo De Petri  | Giacomo Giannella | Giovanni Maisto | Daniela Masera | Riccardo Massironi | Gabriella Parisi | Mauro Perini | Serena Piccolo | Johnny Pixel | Ivan Porrini | Eleonora Prado | Antonio Riello |  Luca Roncella | Alessia Sangalli | Giuditta Sartori | Filippo Scaboro | Cristian Scampini | Maria Elena Silletti | Francis Leo Tabios | Claudia Tuci | Federico Vavalà | Giuseppe Vigolo | Selena Zanrosso | Antonella Zerbinati
ARTISTI DA MENTEZERO: Luca Negri | Alice Manieri | Valeria Cosenza | Maddalena Negrini | Stefano Mancini | Libero Masini | Sofia Arcuri | Marco De Sanctis | Ludovica Liera | Jacopo Bongini | Biancamaria Mori | Carlo Gioventù | Erica Bertolacci | Filippo Magrini
ARTISTI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI VENEZIA:  Andrea Chiarato  |  Giuseppe Vigolo  | Igor Molin
DIGITALISTI E CONCEPT ARTIST:  Sergio Cosmai |  Angela Reale | Antonio Minuto | Nicola Sammarco  | Giuseppe Longo | Paolo Nagase | Vincenzo Riccardi | Mirko Failoni | Federica Vivarelli | Massimo Porcella
ARTISTI LE VERITÀ DELL’ANIMUS: Francesco Delrio | Enrica Fastuca | Claudia Clo Gironi

sabato 18 ottobre 2014

Fuori Milan Games Week, party all'Hangar Bicocca e una fiera del videogioco con tante sorprese: è Game Culture italiana!




Milan Games Week Party: il 23 ottobre una grande festa aperta al pubblico per inaugurare la quarta edizione della manifestazione.
Red Bull è partner dell’iniziativa

L’evento ospiterà la III° edizione di Playing The Game, oltre a un’esposizione a cura di Neoludica - Game Art Gallery



La quarta edizione di Milan Games Week – che prende il via da venerdì 24 a domenica 26 ottobre al Padiglione 4/Gate 4-5-6 di FieraMilanoCity – verrà inaugurata da una grande festa aperta al pubblico di appassionati realizzata all’interno degli spazi di HangarBicocca.
Il Milan Games Week Party, realizzato in collaborazione con Red Bull, si terrà giovedì 23 ottobre 2014 dalle h 22.00 alle h 01.00 e sarà una serata ad ingresso gratuito che anticiperà le atmosfere del salone. Un dance floor dalla scenografia eccezionale, musica pop-house e 8-bit ispirata alle colonne sonore dei videogame selezionate da Paolo Branca, videoproiezioni a tema game e cosplay: questi gli ingredienti che animeranno la notte della vigilia di Milan Games Week in via Chiese 2, ricreando un atmosfera unica nel suo genere.
I partecipanti verranno accolti da 20 postazioni di gioco dedicate ai videogame internazionali facenti parte della terza edizione di Playing The Game, la manifestazione dedicata alle produzioni indipendenti che mette in contatto videogiochi e creatività, realizzata quest’anno sotto il cappello di Milan Games Week. Nata in Italia per promuovere il potenziale innovativo del videogioco, Playing The Game 2014 abbraccerà gli ultimi tre decenni di produzione videoludica attraverso una selezione di giochi d’avanguardia in grado di sfidare le convenzioni più tipiche del videogioco: i punti da accumulare e i livelli da superare.
Nello stesso spazio sarà presentata un’esposizione curata da Neoludica - Game Art Gallery: una selezione di circa trenta creazioni offrirà un colpo d’occhio unico sulle nuove tendenze delle produzioni videoludiche coordinate da Game Art Gallery, il progetto che dal 2011 ha come obiettivo la promozione della creatività nell’ambito  dei videogiochi.
Per partecipare al Milan Games Week Party è possibile accreditarsi compilando un semplice form di registrazione sul sito dell’evento (www.gamesweek.it). Una volta inseriti tutti i dati, verrà generato un ticket personale e non cedibile da stampare e portare con sé alla serata. L’evento non prevede il pagamento di un biglietto ed è aperto a tutti.
Sul sito della manifestazione (www.gamesweek.it) sono consultabili tutti gli altri eventi che animeranno la settimana del Fuori Milan Games Week 2014 e la mappa delle iniziative.
Milan Games Week: Welcome to the next level!


1.
Titolo: Insert Coin Popcorn, di Fabio Kenobit Bortolotti
Luogo: Wave Milano, via De Amicis 28
Date: 24 ottobre Dalle 22 alle 02
Tipologia: Evento di retrogaming
Descrizione: Retrogaming per tutti con il consolidato gruppo di Fabio Kenobit Bortolotti e Andrea Babich. La stagione del retrogaming meneghino riparte con una serata dedicata al grande cinema e ai suoi punti di incontro con i videogiochi: da Superman a Rambo, da Dick Tracy a Indiana Jones, da Ghostbusters a Beverly Hills Cops. La novità del 2014 è la sede dell'evento, il Wave, un locale in pieno centro, più grande, comodissimo da raggiungere. Insert Coin rimane una serata gratuita, rilassata, aperta a tutti, dove ogni retrogamer è invitato a partecipare attivamente, giocando con il loro brevettato arcade stick su un giga proiettore. Esposizione in giornata di opere di pixel art e game art con Mattia Zarini e Filippo Scaboro.
Sito: www.8-b.it

2.
Titolo: Vectrex, robot e arte contemporanea con Fabio Giampietro
Luogo: Studio d’Arte di Fabio Giampietro, Via Romussi 14
Date: mercoledì 22 ottobre dalle 18 alle 23.
Tipologia: Mostra con zapping e aperitivo
Descrizione: Mostra con happening e aperitivo ambientato nello studio del giovane pittore Fabio Giampietro, già noto in grandi gallerie italiane, collezionista di Vectrex (console a 8 bit con cui si avrà la possibilità di giocare), cabinati e robot. L’evento ha carattere di happening artistico con altri giovani artisti di Milano e di altre regioni.
Sito: www.fabiogiampietro.com

3.
Titolo: Arte 3D e partecipativa per raccontare un luogo: Matera e Maastricht
Luogo: Streamcolors House - officina creativa e spazio espositivo di Giuliana Geronimo e Giacomo Giannella, via Vincenzo Vela 8
Date: dal 20 ottobre al 23 ottobre dalle 14 alle 18.
Tipologia: Workshop interattivo
Descrizione: Utilizzando l'arte partecipativa e 3D come medium per lo studio della percezione visiva e della narrazione di un luogo, l'evento offrirà la possibilità di conoscere in modo nuovo le città di Matera, candidata a Capitale della Cultura 2019, e la città di Maastricht, dove si sta costruendo un nuovo polo culturale europeo. Per l'occasione saranno proiettati i video 3D realizzati fruibili attraverso una postazione touch screen per vivere in prima persona un'esperienza interattiva. Il progetto, ideato da Giacomo Giannella e Giuliana Geronimo, creatori della startup Streamcolors, è stato sviluppato per Matera e per Maastricht l'estate scorsa presso la Fondazione ‘The Artist and the Others’ grazie a un bando di Mobilità Transnazionale vinto con l'incubatore Avanzi e promosso da Regione Lombardia e Fondazione Cariplo. 
Artista, docente di game design e art director in una nota casa di videogame, Giannella ha ideato un software che permette di navigare in 3D immagini piatte, spostando l'esperienza videoludica dal gaming all'arte e al design.

4.

Titolo: Vintage Games: guarda, gioca e vinci
Una mostra con videogiochi d’epoca da giocare e riscoprire in uno spazio d’arte contemporanea
Luogo: Spazio Tadini, via Jommelli 24
Date: Dal 20 al 24 ottobre dalle 15.30 alle 19.00, 25 e 26 ottobre 15.30-20.
Tipologia: Mostra e postazioni interattive con quiz di cultura videoludica.  
Descrizione: Spazio Tadini, associazione culturale e casa museale milanese fondata da Francesco Tadini e Melina Scalise in memoria del pittore e scrittore Emilio Tadini, è luogo di eventi artistici e culturali. Tra le sale con le mostre di arte contemporanea e la biblioteca aperta al pubblico, si trovano una serie di approfondimenti in quadro dei videogiochi che hanno fatto epoca e che sono rimasti nella memoria di tutti. Si potranno trovare postazioni con tv catodiche dove rigiocare a Super Mario o Pac-man e insieme un profilo degli autori, dei disegnatori e ideatori che hanno segnato la storia dei videogames, redatti da Emanuele Cabrini. In seno alla mostra si potrà anche verificare la propria conoscenza sul mondo dei videogiochi attraverso il gioco a quiz ideato da Mirko Di Pasquale, ma anche fare un salto nel passato attraverso il gioco realizzato dall’artista milanese Ludovico Calchi Novati che, attraverso la semplicità di un simil shanghai, sfiderà i partecipanti in prove di maestria. Esposizione di limited edition personalizzate con disegni degli artisti in mostra realizzati in serie limitata da 13/Sedicesimi edizioni. Sabato 25 e domenica 26 workshop gratuito digital sculpting, caricature in 3D e presentazione di videogames artistici con l’associazione Mentezero.
A seguire dal 29 ottobre al 21 novembre MOSTRA PER GIOCO collettiva dove l’arte si fa gioco
A cura di Caterina Seri, Spazio Tadini e Neoludica.

5.
Titolo: INNOVATIVE RICERCHE_ Grafene, videogames e… forza del pensiero
Date: Dal 20 al 22 ottobre dalle 16 alle 19.
21 ottobre – progetto Arale dalle 16 alle 19
Luogo: Amy-D Arte Spazio, via Lovanio 6
Tipologia: Presentazione e mostra
Descrizione: La galleria, sorta nel 2010 grazie alla piattaforma progettuale economART, è rinomata per la ricerca e sperimentazione nel campo artistico e scientifico, grazie anche all'apporto e connessione coi videogame. Anna D’Ambrosio presenta il suo recente progetto che utilizza il grafene nelle opere d’arte (progetto realizzato con partnership Politecnico di Milano,  l'Unisa di Salerno e Festival della Scienza di Genova) e il Project ARALE di MFLabs, che attraverso un’esperienza ludica (cuffietta bluetooth collegata a un computer, che legge le onde cerebrali trasformandole in comandi per gli apparecchi collegati) fa comprendere come le tecnologie Arduino permettano di spostare oggetti e accendere luci, solo con ‘la forza del pensiero’. Il progetto ha già riscosso molto interesse e si sta già pensando di collegarlo ad arti artificiali per disabilità particolari. Avrò luogo inoltre la presentazione di Antonio Riello, primo artista italiano di caratura internazionale ad aver utilizzato la piattaforma di sviluppo e programmazione di videogame per opere d’arte interattive.
Sito: www.amyd.it

6.
Titolo: Interazione virtuale-reale di meccanismi di gaming nell’attività sportiva: l’esperienza del light saber combat
Luogo: LudoSport International Light Saber Combat Academy - Scuola di Milano, via Massimiliano Kolbe 5
Date: Dal 20 ottobre al  24 ottobre dalle 20 alle 23. Domenica 26 ottobre dalle 19 alle 22.
Tipologia: Dimostrazione e workshop
Descrizione: Ambientato nella sede della prima scuola di combattimento sportivo con light saber, già riconosciuta a livello mondiale come la più autorevole realtà in questo ambito, l'evento permetterà di osservare e praticare le tecniche di combattimento con light saber e di comprendere i meccanismi di proiezione dell'esperienza reale all'interno della piattaforma "myludosport" . Esposizione di opere di game art realizzate da Serena Piccolo.

7.
TITOLO: TECHNOLOGY OF BEAUTY powered by Microsoft
LUOGO: LOGIN, via privata Stefanardo da Vimercate, 28

DATE: dal 20 al 23 ottobre dalle 9 alle 19.
22 ottobre performance live dalle 15 alle 19
23 ottobre conferenza dalle 16 alle 18
Tipologia: Esposizione, workshop e mini conferenza
Descrizione: Mostra espositiva di Surface Pro 3 e Microsoft, tecnologia di progettazione e realizzazione: Bellezza della Tecnologia e la Tecnologia della Bellezza. Il giorno 22, si terrà la live performance: Pixel Art e Concept Art. Due game artist, free lance specializzati uno in pixel art e l’altro in concept art (Ivan Porrini e Cristian Scampini), guidano, in una performance artistica a tema videogame, sei game artist che sperimentano con loro le molteplici possibilità di SP3. Il giorno 23 la Professoressa Gloria Vallese, insegnante di Nuove Tecnologie delle Arti, presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, terrà una conferenza sull’utilizzo delle tecnologie per le arti e nei metodi di insegnamento con console e videogame.

8.
TITOLO: "CODICI, programmare la bellezza" e "Il Gaming come esperienza di lettura"  
LUOGO: Università di Milano Bicocca,  Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione (DISCO)-  Edificio U6-Aula 10- Piazza dell'Ateneo Nuovo 1
DATE: martedì 21 ottobre dalle 10.30 alle 12.30
DESCRIZIONE:  Arte e virtualità sono una realtà concreta del XXI secolo. L’incontro fra queste due esperienze profondamente umane verrà illustrato a un pubblico di studenti e visitatori al DISCO dell’Università di Milano Bicocca dai professori Francesco Tisato e Francesca Arcelli Fontana. Verranno presentati alcuni progetti e le attività realizzate dal Dipartimento. Seguirà “Il Gaming come esperienza di lettura” con Valentina Bondesan e altri ospiti di “Fondazione Per Leggere”, che proporrà l’entusiasmante programma di dotare di una Gaming Zone le biblioteche della propria rete. 

9.
TITOLO: WEMAKE... GAME ART 3D E COSPLAYER: La creatività del fare al FabLab, tra magliette e stampanti 3D
LUOGO: WeMake, via Privata Stefanardo da Vimercate 28
DATE: 20/10 Lasercut Stencil magliette game art h 15-19; 21/10 Cosplay e stampa 3D h 15-19.
Tipologia: Workshop
DESCRIZIONE: I nuovi orizzonti della creatività si mettono ancora una volta in gioco grazie alle meraviglie della tecnologia del fablab WeMake. Fare arte con le stampanti 3D è una nuova frontiera che vedrà presente il mondo dei cosplayer nella realizzazione di alcuni particolari dei loro costumi (martedì 21.10), insieme ad alcuni game artist che inseriranno nei loro workshop la produzione di stencil originali per magliette a disposizione dei partecipanti (lunedì 20.10).
Per celebrare il mondo dei video games e la digital fabrication propniamo  due attivita’ legate alla GameArt e rimarremo aperti al pubblico per l’occasione:
·         Lunedi 20 Ottobre  h.15 – 19
t-shirt personalizzate con gli stencil tagliati al laser – Gli Artisti Gaming di Neoludica ospitati produrranno delle illustrazioni che verranno tagliate al laser e i visitatori potranno customizzare le proprie magliette con gli stencil risultanti e colori serigrafici.
·         Martedi 21  Ottobre h. 15-19
Stampa 3d e cosplay – Fare arte con le stampanti 3D è una nuova frontiera che vedrà presente il mondo dei cosplayer nella realizzazione di alcuni particolari dei loro costumi . In mostra potrete ammirare i lavori di Giuditta Sartori

10.

TITOLO: Game Art Energy powered by Game Art Gallery
LUOGO: Atelier e spazi Brandstorming, Via Corsico 3
DATE: dal 20 al 26, orari 15-19; sabato 16-23
TIPOLOGIA: Mostra espositiva
DESCRIZIONE: Sei tra i più importanti artisti di Game Art (Metaborg, Emalord, Locci, Vigolo, Roncella, Faini, Parisi, Pixel) riuniti in un’esposizione sul tema dell’energia powered by Game Art Gallery. Opere in materiali duraturi come crystal, ardesia, canvas, unite al tecnologia video 3D che ci permetterà di navigare dentro la materia e l’energia in un mix di sculture, quadri, tecnologia e arte. Tutte le opere, dal game photography alle gigantografie di concept art fino alle sculture di fossili videoludici, video di navigazione nella realtà virtuale e veri e propri robot, si esprimono in una connessione continua tra arte, energia e gaming. Mostra a cura di Game Art Gallery e Caterina Seri.


11.
Titolo: Corridoio Virtuale, MenteZero, a cura di Carlo Gioventù e Biancamaria Mori
Luogo: EnergoLab, via Plinio
Date: dal 20 al 23 ottobre, orari 10-12, 15-19, ingresso libero
Tipologia: mostra interattiva e labs aperti al pubblico
Descrizione: installazione interattiva su Unreal Engine 4 di un corridoio virtuale;
workshop videogame: i ragazzi artisti dell’associazione modellano e animano in realtime a beneficio del pubblico che può seguire le tecniche e le estetiche di queste nuove arti;
digitalizzazione 3D del pubblico e caricature in digital sculpt; presentazione di due prodotti videoludici MenteZero (Candy Zombies e Twin Eye).
sito: www.mentezero.it

12.
Titolo: Serata musicale di 8bit chiptunes con Fabio Kenobit Bortolotti e Andrea Babich
Luogo: RAL8022, via Corsico 3
Data, orari: 25 ottobre dalle 22 alle 02
Tipologia: concerto, dance, cocktail bar
Descrizione: La scena della micromusic milanese si esibisce per una serata all'insegna degli 8 bit. Game Boy, Commodore 64 e reliquie tecnologiche assortite vivono una nuova vita nel mondo della musica elettronica. Esibizioni live di Kenobit, Bisboch + special guest.



 ALTRI EVENTI, MAPPE, CALENDARIO COMPLETO, SCARICABILE DAL SITO UFFICIALE WWW.GAMESWEEK.IT