mercoledì 6 aprile 2016

Cassina Anna il 9 aprile e Chronicae il 16... game culture non stop!



Dopo l'inaugurazione alla biblioteca Valvassori Peroni dello scorso 5 Marzo continua la mia collaborazione con il Sistema Bibliotecario Milano che Sabato 9 Aprile 2016 alle 15.30 apre una nuova area videogame nella biblioteca Cassina Anna (zona Affori).
In questo caso l'area sarà allestita in una zona destinata ai più piccoli, e i videogame presenti al momento saranno adeguati in conseguenza (non ci sono Pegi18). Tuttavia, in accordo con il sottoscritto e la direzione, l'intenzione della biblioteca è quella di ricreare nei prossimi mesi anche dei momenti di conscious gaming per parlare di videogame da un punto di vista più maturo, non solo con i piccoli ma anche con gli adulti.
Per vedere cosa sarà disponibile nella biblioteca di Cassina Anna (Milano, via Sant' Arnado 17) l'appuntamento è per Sabato 9 Aprile 2016 alle ore 15.30. Emanuele Cabrini di Gamesearch.it sarà presente per parlare con tutti i curiosi e rispondere alle domande in merito ai videogiochi in biblioteca!


Assassin’s Creed tra storia e mito a Chronicae - festival del romanzo storico di Piove di Sacco (PD), creato dall’Associazione culturale Sugarpulp, seconda edizione
Nel ricco palinsesto del festival, tra autori, eventi internazionali, didattica e tanti tantissimi libri, quest’anno gli organizzatori hanno invitato… un videogioco. Assassin’s Creed è una serie di videogiochi di avventura dinamica a carattere storico che combina elementi da open world con quelli stealth, creata e sviluppata dalla Ubisoft. I capitoli principali sono tuttora nove, a cui si aggiungono numerosi spin-off e materiali tie-in, come romanzi, fumetti e cortometraggi.
Il principale protagonista della serie fino al terzo capitolo della saga è Desmond Miles, un barista venticinquenne di Manhattan, fuggito a 16 anni da un rifugio di Assassini chiamato “La Fattoria” perché incapace di comprendere il vero scopo dei suoi estenuanti allenamenti e stanco dell’iperprotettività dei suoi genitori che lo mettevano in guardia da un nemico che lui non aveva mai visto.
A causa di una multinazionale nota come Abstergo, Desmond si ritroverà a rivivere le memorie dei suoi antenati grazie ad uno speciale dispositivo chiamato Animus per trovare dei manufatti misteriosi chiamati Frutti dell’Eden, i quali sembrano essere dotati di straordinari poteri.
Inizialmente costretto dai Templari, successivamente li cercherà volontariamente assieme agli Assassini in una corsa contro il tempo per salvare il mondo da un’immane catastrofe.

I protagonisti della conferenza, due specialisti di settore con una cultura trasversale e… connessa a tante discipline
Emanuele Cabrini
Fondatore di GameSearch.it, il sito tutto italiano dedicato videogames ed al retrogaming! Al Festival Internazionale del Romanzo Storico di Piove di Sacco presenterà l’incontro “Assassin’s Creed tra Storia e Mito”.

Luca Traini
Scrittore e curatore d’arte, ideatore di Neoludica Game Art Gallery insieme a Debora Ferrari. Insieme hanno curato nel 2012 il Museo itinerante di Assassin’s Creed a Firenze, Roma, Venezia, Milano dove il museo temporaneo è rimasto per due mesi al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci e un mese al Wow Spazio Fumetto. Nel 2014 la mostra di game art a Villa Bottini di Lucca ha registrato 80mila persone in 4 giorni.
Al Festival Internazionale del Romanzo Storico di Piove di Sacco presenterà l’incontro  “Assassin’s Creed tra Storia e Mito”.
>> http://lucatraini.blogspot.it/


martedì 8 marzo 2016

SUCCESSO ALL'APERTURA DELLA GAMING ZONE IN BIBLIOTECA VALVASSORI PERONI, iniziato subito anche il prestito

VIDEOGAME IN BIBLIOTECA
Per la gioia di mamma e papà (videogiocatori e non) arriva il #cosciousgaming fra libri e console

alla Biblioteca Valvassori Peroni, sabato 5 marzo 2016 si è aperta la gaming zone creata in collaborazione con GameSearch.it e si è inaugurata la mostra per i 35 anni di Pac-Man a cura di Neoludica Game Art Gallery che proseguirà per un mese

in biblioteca si può videogiocare o prendere in prestito i videogiochi come i libri

Cresce il numero di biblioteche che creano spazi dedicati alla comprensione del videogame, alla sua artisticità e anche al prestito, come per i libri. I videogiochi e la gamification sono parte del nostro quotidiano, dalle app ai social media; l’industria videoludica al momento ha superato nel fatturato quella del cinema a livello mondiale. Questo significa che oggi è necessario comprenderne le componenti che la costituiscono in modo più approfondito, per poterle governare e diventare fruitori consapevoli.
Emanuele Cabrini, fondatore di Gamesearch.it (un portale rivolto alla game culture con specifiche storiche, culturali, artistiche, area dedicata ai genitori, e una partnership col Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano), si occupa di 4 biblioteche per la creazione di queste aree ricche di dotazioni: dalle console ai videogame, ai fumetti ai libri, alle action figure e alle game art. Dopo aver portato la game culture anche nella Casa di Reclusione di Milano-Opera e al Centro Culturale Multiplo di Cavriago in Emilia Romagna, questa inaugurazione alla Valvassori assume un carattere culturale importante: in sinergia con la direzione della biblioteca si vuol far comprendere come nello spazio dei libri, attività, incontri, formazione, dibattiti, mostre, saranno lo strumento adatto alla comprensione di questo grande mezzo di comunicazione.
Vernate, Cisliano, Albairate, Cassina Anna, Valvassori, Opera, sono alcuni dei luoghi dove è possibile seguire l’attività e gli approfondimenti.
 
da sinistra opere di: Claudia gironi, EB Emanuele Bresciani, Filippo Scaboro


“Mi occupo di cultura e videogame dal 2009 -spiega Emanuele Cabrini- ma questi sono i primi passi che affronto insieme alle biblioteche italiane. Sono consapevole che ci vorrà del tempo, però credo davvero che le biblioteche possano essere un luogo ideale per promuovere il “videogioco conscio/consapevole” o conscious gaming (come si dice in gergo). Mi auguro di poter lavorare molto con le biblioteche per aiutarle a trasformarsi in luoghi dove gli appassionati possano incontrarsi in un contesto tranquillo e stimolante; spero anche di poter realizzare tante attività per continuare a dimostrare, proprio grazie ai videogame, che è sempre meglio non lasciarsi trascinare dai pregiudizi”.
Le biblioteche Valvassori Peroni e Cassina Anna saranno le prime di Milano ad ampliare l’offerta per i propri utenti con l’utilizzo in loco di console e il prestito di videogame, proprio come avviene con i libri. Dopo Fondazione Per Leggere  -che ha inaugurato ad Aprile 2014 nella biblioteca di Albairate-  il progetto ‘Gaming Zone’ prosegue così anche nel capoluogo lombardo e presto anche il CSBNO (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest) si attiverà in questa direzione.

Toru Iwatani, creatore di Pac-Man, concept art di Claudia Gironi, 2015

Per l’occasione, dato il 35° appena celebrato del mito pop di Pac-Man, Game Art Gallery di Musea (che ha portato con E-Ludo e varie realtà accademiche italiane i videogame alla 54.Biennale di Venezia) collabora con una mostra di 40 opere d’arte realizzate da artisti italiani sul tema. Quadri, digital art, installazioni, game photography, pixel art, tante espressioni artistiche soprattutto prodotte da giovani, permettono al pubblico l’approccio anche a questo nuova ‘corrente’, già sdoganata anche alla Biennale di Venezia nel 2011 e 2015 e al Museo Leonardo da Vinci di Milano nel 2012.
Gli artisti che hanno creato opere appositamente per il 35° di Pac-Man (con dedica di Toru Iwatani, ospite all’ultima edizione della Milan Games Week) sono: Samuele Arcangioli, Davide Cappelletti, Matteo De Petri, Martina Felisatti, Andrea Ferrari Blue@rt, Claudia Gironi, Alice Manieri, Matteo Martello, Daniela Masera, Biancamaria Mori, Davide Nenxy, Gabriella Parisi, Luca Roncella, Sara Russo, Filippo Scaboro, Federico Vavalà, Selena Zanrosso.
Per l’occasione la mostra sarà ampliata con una serie di 20 opere uniche, favole visive della tradizione trasformate in ‘Favole di Pac-Man’ da Daniela Masera.
Gli altri artisti: Luca Baggio, Emanuele Bresciani Electrickblueskies, Fabio Corica, Paolo Della Corte, Giacomo Giannella, Giuliana Geronimo, Massimo Giuntoli, Emanuele La Loggia, Giovanni Maisto, Riccardo Massironi, Rosy Nardone, Mauro Perini,  Serena Piccolo, Ivan Porrini, Antonio Riello, Giuditta Sartori, Cristian Scampini, Claudia Tuci, Mattia Zarini.
Tra gli artisti sottolineiamo la presenza di MenteZero, associazione culturale aperta che conta più di 2000 followers, un luogo di cooperazione, dove neofiti e professionisti di un'ampia rosa di settori possono comunicare e imparare. Mentezero si propone come tramite fra università e lavoro per tutte le nuove ed innovative professionalità nell'arte digitale. Sono stati con Game Art Gallery anche a Lucca Comics nel 2014, a Venezia e in Milan Games Week nel 2015.
 
quattro opere di MenteZero e il ritratti di Iwatani by Samuele Arcangioli


Molte di queste opere resteranno in dotazione alla biblioteca stessa, nel’area della gaming zone, quindi il pubblico potrà godere anche di game art e concept art nei momenti di fruizione dell’area.

Un appuntamento molto importante, dove sarà allestito da Gamesearch.it un ‘salottino’ gaming zone, sarà quello del Convegno annuale alle Stelline di Milano il 17 e 18 marzo: Bibliotecari al tempo di Google, il titolo della ventunesima edizione; Biblioteche oggi, che di questa manifestazione ha rappresentato da sempre il perno, è particolarmente orgogliosa del percorso compiuto. Anche alcune opere di Game Art saranno presenti nel salottino.

Altri approfondimenti seguiranno nel prossimo comunicato e nella cartella stampa disponibile all’inaugurazione il 5.3.16.
Richieste di materiali scrivendo a gamesearch@gamesearch.it




Favole di Pac-Man by Daniela Masera



Siti e contatti


Facebook    

martedì 23 febbraio 2016

VIDEOGAME IN BIBLIOTECA

Per la gioia di mamma e papà (videogiocatori e non) arriva il #cosciousgaming fra libri e console

Biblioteca Valvassori Peroni, sabato 5 marzo 2016 h 15.30, inaugurazione della gaming zone creata in collaborazione con GameSearch.it e della mostra per i 35 anni di Pac-Man a cura di Neoludica Game ArtGallery che proseguirà per un mese

artwork by F. Vavalà


Cresce il numero di biblioteche che creano spazi dedicati alla comprensione del videogame, alla sua artisticità e anche al prestito, come per i libri. I videogiochi e la gamification sono parte del nostro quotidiano, dalle app ai social media; l’industria videoludica al momento ha superato nel fatturato quella del cinema a livello mondiale. Questo significa che oggi è necessario comprenderne le componenti che la costituiscono in modo più approfondito, per poterle governare e diventare fruitori consapevoli.
Le biblioteche Valvassori Peroni e Cassina Anna saranno le prime di Milano ad ampliare l’offerta per i propri utenti con l’utilizzo in loco di console e il prestito di videogame, proprio come avviene con i libri. Dopo Fondazione Per Leggere  -che ha inaugurato ad Aprile 2014 nella biblioteca di Albairate-  il progetto ‘Gaming Zone’ prosegue così anche nel capoluogo lombardo e presto anche il CSBNO (Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest) si attiverà in questa direzione.
Emanuele Cabrini, fondatore di Gamesearch.it (un portale rivolto alla game culture con specifiche storiche, culturali, artistiche, area dedicata ai genitori, e una partnership col Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano), si occupa di 4 biblioteche per la creazione di queste aree ricche di dotazioni: dalle console ai videogame, ai fumetti ai libri, alle action figure e alle game art. Dopo aver portato la game culture anche nella Casa di Reclusione di Milano-Opera e al Centro Culturale Multiplo di Cavriago in Emilia Romagna, questa inaugurazione alla Valvassori assume un carattere culturale importante: in sinergia con la direzione della biblioteca si vuol far comprendere come nello spazio dei libri, attività, incontri, formazione, dibattiti, mostre, saranno lo strumento adatto alla comprensione di questo grande mezzo di comunicazione.
Vernate, Cisliano, Albairate, Cassina Anna, Valvassori, Opera, sono alcuni dei luoghi dove è possibile seguire l’attività e gli approfondimenti.


“Mi occupo di cultura e videogame dal 2009 -spiega Emanuele Cabrini- ma questi sono i primi passi che affronto insieme alle biblioteche italiane. Sono consapevole che ci vorrà del tempo, però credo davvero che le biblioteche possano essere un luogo ideale per promuovere il “videogioco conscio/consapevole” o conscious gaming (come si dice in gergo). Mi auguro di poter lavorare molto con le biblioteche per aiutarle a trasformarsi in luoghi dove gli appassionati possano incontrarsi in un contesto tranquillo e stimolante; spero anche di poter realizzare tante attività per continuare a dimostrare, proprio grazie ai videogame, che è sempre meglio non lasciarsi trascinare dai pregiudizi”.

Per l’occasione, dato il 35° appena celebrato del mito pop di Pac-Man, Game Art Gallery collabora con una mostra di 40 opere d’arte realizzate da artisti italiani sul tema. Quadri, digital art, installazioni, game photography, pixel art, tante espressioni artistiche soprattutto prodotte da giovani, permettono al pubblico l’approccio anche a questo nuova ‘corrente’, già sdoganata anche alla Biennale di Venezia nel 2011 e 2015 e al Museo Leonardo da Vinci di Milano nel 2012.
Gli artisti che hanno creato opere appositamente per il 35° di Pac-Man (con dedica di Toru Iwatani, ospite all’ultima edizione della Milan Games Week) sono: Samuele Arcangioli, Davide Cappelletti, Matteo De Petri, Martina Felisatti, Andrea Ferrari Blue@rt, Claudia Gironi, Alice Manieri, Matteo Martello, Daniela Masera, Biancamaria Mori, Davide Nenxy, Gabriella Parisi, Luca Roncella, Sara Russo, Filippo Scaboro, Federico Vavalà, Selena Zanrosso.

Alice, Pac-Man favola di D. Masera

Per l’occasione la mostra sarà ampliata con una serie di 20 opere uniche, favole visive della tradizione trasformate in ‘Favole di Pac-Man’ da Daniela Masera.
Gli altri artisti: Luca Baggio, Emanuele Bresciani Electrickblueskies, Fabio Corica, Paolo Della Corte, Giacomo Giannella, Giuliana Geronimo, Massimo Giuntoli, Emanuele La Loggia, Giovanni Maisto, Riccardo Massironi, Rosy Nardone, Mauro Perini,  Serena Piccolo, Ivan Porrini, Antonio Riello, Giuditta Sartori, Cristian Scampini, Claudia Tuci, Mattia Zarini.

Un appuntamento molto importante, dove sarà allestito da Gamesearch.it un ‘salottino’ gaming zone, sarà quello del Convegno annuale alle Stelline di Milano il 17 e 18 marzo: Bibliotecari al tempo di Google, il titolo della ventunesima edizione; Biblioteche oggi, che di questa manifestazione ha rappresentato da sempre il perno, è particolarmente orgogliosa del percorso compiuto. Anche alcune opere di Game Art saranno presenti nel salottino.




Siti e contatti


Facebook    








giovedì 21 gennaio 2016

Assassin's Creed in biblioteca a Vernate: incontro di Conscious Gaming

Game Art Revolution


Dalle 10.30 alle 12.30 di Sabato 23 Gennaio 2016 nella biblioteca di Vernate (sud di Milano) Emanuele Cabrini guiderà un incontro di conscious gaming incentrato su Assassin’s Creed ed Assassin’s Creed II.
Per gli appassionti si tratta di una buona occasione per ripassare l’inizio dello scontro tra la confraternita degli Assassini ed i Templari. Ma il reale obiettivo dell’iniziativa è mostrare come un videogame possa essere utilizzato come uno strumento di incontro tra generazioni, uno strumento a disposizione dei genitori per passare più tempo con i propri figli, ed uno strumento a disposizione anche degli insegnanti per stimolare i giovani all’apprendimento.
Nella biblioteca di Vernate è inoltre già attiva un’area videogame dotata di una console PlayStation 4 a disposizione di tutti gli utenti.
Biblioteca di Vernate:
Via Walter Tobagi 1/A (Fraz. Moncucco) – Vernate (MI)
02-900.97.639
biblioteca.vernate@fondazioneperleggere.it
La biblioteca di Vernate è parte del circuito di biblioteche gestito da Fondazione PER LEGGERE.
Partner dell'iniziativa Game Art Gallery nell'ambito della valorizzazione in Game Culture della Neoludica, e Console Generation.
Una interessante lettura degli aspetti artistici, storico-simbolici, di edutainment, sono presenti nel recente volume edito da TraRari TIPI a giugno 2015, presentato a Venezia, con copertina di Ivan Porrini e vari contributi, presentato a Venezia durante la mostra di Game Art e del convegno Dicono dell'Arte.

venerdì 20 novembre 2015

NEOLUDICA e altre applicazioni ad arte,

 dalla game art alla stampa 3D
verso Goofo e realtà virtuale,
visite guidate alle tecnologie del presente perché
Il FUTURO è OGGI! A COMINGTOOLS DI VARESE!

Il 28 novembre prova gratuita della VR (Virtual Reality) con Goofo

Le arti nel XXI secolo non si trovano solo al museo o in galleria, dove oltre a momenti culturali è possibile acquistare opere da collezionare. Nel secolo odierno le arti si trovano, come nel Rinascimento, in ‘botteghe’ particolari, quelle che oggi chiamiamo Lab e centri di nascita delle startup. La rivoluzione dei makers porta con sé l’innovazione delle arti che riscoprono il valore del fare oltre al significato del rappresentare.
A Varese, oltre alle gallerie d’arte e ai centri culturali, ora si possono trovare originali produzioni d’arte anche in Piazza 20 Settembre, da Comingtools che per farsi conoscere nella stampa 3D, nella realtà virtuale, negli arredi ecosostenibili in cartone, nelle CGArt (Computer Generated Art), organizza dal 28 novembre una serie di prove gratuite e visite guidate per capire il mondo delle arti tecnologiche. Sì perché già in greco Techné sigificava Arte come ‘Fare’ (Poiein) Poesia.
le foto sono di Federico Pavanini
ARTISTI


Samuele Arcangioli, Luca Baggio, Blue@rt, Emanuele Bresciani, Fabio Corica, Paolo Della Corte, Matteo De Petri, Giacomo Giannella, Giuliana Geronimo, Claudia Gironi, Massimo Giuntoli, Emanuele La Loggia, Giovanni Maisto, Alice Manieri, Daniela Masera, Riccardo Massironi, Biancamaria Mori, Rosy Nardone, Gabriella Parisi, Mauro Perini,  Serena Piccolo, Ivan Porrini, Antonio Riello, Luca Roncella, Giuditta Sartori, Filippo Scaboro, Cristian Scampini, Claudia Tuci, Federico Vavalà, Mattia Zarini.

Comingtools nasce da un gruppo di specialisti (giovani e non) che decide di progettare un nuovo laboratorio di esperienze e relazioni. Nella cornice di Piazza 20 Settembre a Varese apre il primo 3D Printing Store, come il punto di riferimento per i designer che intendono utilizzare la rivoluzionaria tecnica della stampa 3D.  Ma questo non basta e Comingtools diventa anche showroom dei nuovissimi arredamenti in cartone, che uniscono alla piacevolezza e funzionalità, il riciclo e l'eco-sostenibilità.  Comingtools fa delle scelte ben precise: gli articoli che trovate sono tutti esclusivamente prodotti in Italia da giovani StarUp, e la nostra sede è luogo di incontro e condivisione per tutti coloro che hanno voglia di "pensare".


Game Art Gallery (R) è un progetto ideato e curato da Debora Ferrari e Luca Traini che dal 2008 ha come obiettivo la promozione delle arti videoludiche nelle arti contemporanee con grande cura del particolare e della qualità dei contenuti. Game Art Gallery è un valido partner in campo culturale, avendo pubblicato col marchio TraRari TIPI The Art of Games, nuove frontiere tra gioco e bellezza, 2009, abbinato al marchio Skira Arte e Videogame. Neoludica, 2011-1966 per il doppio padiglione come Evento Collaterale alla 54.Biennale di Venezia,  Assassin’s Creed Art (R ) Evolution sempre insieme a Skira, come catalogo della mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Con ‘Effetto di Massa’ di Toniolo apre la nuova collana Game Culture Book che prosegue nel 2015 con 'Dark Souls' e altri volumi nuovi. In questi anni la GAG si è specializzata in contest sia nel mondo editoriale narrativo che videoludico (mostra al WOW Museo del Fumetto di Milano nel 2012; MOMA14Tribute a Torino GreenBox 2013; Video Game Evolution con Gamesearch.it a Villasanta nel 2014; TetrisTribute Fabbrica del Vapore Milano 2014 e Fusolab 2.0 Roma 2015; Villa Bottini con Ubisoft per Lucca C&G 2014, per esempio) e ha spostato la sua attenzione dai titoli delle produzioni agli artisti, italiani e stranieri, privilegiando la diffusione dei nomi e degli artwork di concept art e delle game art per scoprirne e valorizzarne la personalità. La partecipazione ad Art Night di Venezia con Ca' Foscari, Accademia di Venezia e San Servolo Servizi, è l'ultima prestigiosa avventura di promozione di 60 game artist, insieme a Ubisoft e Blizzard con patrocinio AESVI, in collaborazione con Gamesearch.it e MenteZero. In mostra opere in omaggio a Pac-Man di Daniela Masera, Filippo Scaboro, Blue@rt, Luca Roncella, Gabriella Parisi, Samuele Arcangioli, Ivan Porrini e altre opere di concept art, game art, pixel art. http://www.neoludica.blogspot.it/p/artisti-e-opere.html per le bio autori.
Per il secondo anno cura la Direzione Artistica della Fuori Milan Games Week.


Con Gamesearch.it propone mostre itineranti di game culture e approfondimento dei contenuti videoludici in biblioteche, comuni, spazi culturali.
Il 28 novembre ci sarà anche Davide Caio di Cybercoconut con la demo di ‘The way of Life’ il videogioco artgame sulle scelte della vita nato alla Global Game Jam del Poitecnico di Miano nel 2014 e diventato progetto in fieri con crowdfunding su Eppela (campagna fino al 1 dicembre), così le dimostrazioni sulle arti del XXI secolo sno al completo.



sabato 7 novembre 2015

Ostello Bello Grande a Milano accoglie gli ospiti con la Game Art

NEOLUDICA
Artisti e Videogame
Videogame and Artist

40 opere di game art e concept art per gli ospiti dell'Ostello

Game Art Gallery (R) è un progetto ideato e curato da Debora Ferrari e Luca Traini che dal 2008 ha come obiettivo la promozione delle arti videoludiche nelle arti contemporanee con grande cura del particolare e della qualità dei contenuti. Game Art Gallery è un valido partner in campo culturale, avendo pubblicato col marchio TraRari TIPI The Art of Games, nuove frontiere tra gioco e bellezza, 2009, abbinato al marchio Skira Arte e Videogame. Neoludica, 2011-1966 per il doppio padiglione come Evento Collaterale alla 54.Biennale di Venezia,  Assassin’s Creed Art (R ) Evolution sempre insieme a Skira, come catalogo della mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Con ‘Effetto di Massa’ di Toniolo apre la nuova collana Game Culture Book che prosegue nel 2015 con 'Dark Souls' e altri volumi nuovi. In questi anni la GAG si è specializzata in contest sia nel mondo editoriale narrativo che videoludico (mostra al WOW Museo del Fumetto di Milano nel 2012; MOMA14Tribute a Torino GreenBox 2013; Video Game Evolution con Gamesearch.it a Villasanta nel 2014; TetrisTribute Fabbrica del Vapore Milano 2014 e Fusolab 2.0 Roma 2015; Villa Bottini con Ubisoft per Lucca C&G 2014, per esempio) e ha spostato la sua attenzione dai titoli delle produzioni agli artisti, italiani e stranieri, privilegiando la diffusione dei nomi e degli artwork di concept art e delle game art per scoprirne e valorizzarne la personalità. La partecipazione ad Art Night di Venezia con Ca' Foscari, Accademia di Venezia e San Servolo Servizi, è l'ultima prestigiosa avventura di promozione di 60 game artist, insieme a Ubisoft e Blizzard con patrocinio AESVI, in collaborazione con Gamesearch.it e MenteZero. In mostra opere in omaggio a Pac-Man di Daniela Masera, Filippo Scaboro, Blue@rt, Luca Roncella, Gabriella Parisi, Samuele Arcangioli, Ivan Porrini e altre opere di concept art, game art, pixel art. http://www.neoludica.blogspot.it/p/artisti-e-opere.html per le bio autori.
Per il secondo anno cura la Direzione Artistica della Fuori Milan Games Week.
Con Gamesearch.it propone mostre itineranti di game culture e approfondimento dei contenuti videoludici in biblioteche, comuni, sazi culturali.

ARTISTI
Samuele Arcangioli, Luca Baggio, Blue@rt, Emanuele Bresciani, Fabio Corica, Paolo Della Corte, Matteo De Petri, Giacomo Giannella, Giuliana Geronimo, Claudia Gironi, Massimo Giuntoli, Emanuele La Loggia, Giovanni Maisto, Alice Manieri, Daniela Masera, Riccardo Massironi, Biancamaria Mori, Rosy Nardone, Gabriella Parisi, Mauro Perini,  Serena Piccolo, Ivan Porrini, Antonio Riello, Luca Roncella, Giuditta Sartori, Filippo Scaboro, Cristian Scampini, Claudia Tuci, Federico Vavalà, Mattia Zarini.







venerdì 30 ottobre 2015

Game Art Gallery a Lucca C&G, contest, libri e sostegno allo sviluppo

L'evento di Lucca è anche quest'anno il compimento di un programma intenso svolto per tutti i 10 mesi che l'hanno preceduto.
Appena conclusa la Milan Games Week e la Fuori Milan Games Week dove abbiamo gestito la direzione artistica degli eventi in città, eccoci a incontrare ancora artisti, autori e sviluppatori nella mega kermesse toscana.


In Sala Ingellis sabato 31 dalle 11.30 alle 13 ci sarà l'incontro con Matteo Strukul per la presentazione de 'I cavalieri del nord', romanzo edito per Multiplayer edizioni con copertina e artwork del libro sortiti da un contest che ha impegnato per mesi artisti e curatori, insieme all'autore, per creare l'immaginario visivo del romanzo mentre il romanzo veniva scritto
Un'esperienza meravigliosa per tutti che ha dato grandi soddisfazioni e ora è possibile vedere i vari mondi creati nei lavori esposti in mostra.



La copertina è stata assegnata a Valeria Brevigliero, il premio del pubblico a Alfredo Monaldi, entrambi i lavori li vedete come quadri in mostra su tela. Per gli altri artisti nel libro e tutte le partecipazioni potete leggerli qui ma potete anche averli voi COMPRANDO UNA COPIA DEL LIBRO che Matteo Strukul autografa di persona!





Al padiglione Carducci trovate il nostro supporto a The Way of Life, il progetto videoludico di Cybercoconut, un art game divertente e raffinato, tutto da sperimentare. Se sostenete la campagna partita con Eppela (a partire da € 5,00) avrete anche in alcuni casi in cambio opere di game art tratte dallo stesso videogame che produrranno. Una occasione unica da non farsi scappare, la nuova arte del XXI secolo è questa!!


Allo stand di ScuolaComics, partner storici dai tempi di Neoludica in Biennale, potete incontrare un autore della nostra collana Game Culture Book: Francesco Toniolo coi libri appena pubblicati, fra cui 'Queste anime oscure' con copertina del mitico Cristian Steve Scampini. Per chi ha visto la straordinaria mostra in Villa Bottini lo scorso anno, ecco adesso il catalogo con tutti gli artwork realizzati dagli artisti italiani per Assassin's Creed Unity: Game Art Revolution, copertina in pixel art di Ivan Porrini.



Che dire: L'ARTE è IN GIOCO!!